Back to the Future: Dice Through Time, la recensione del gioco da tavolo di Ritorno al Futuro!

Back to the Future Dice Through Time 38
Back to the Future Dice Through Time 12
Data di uscita
2020
Autore
Ken Franklin, Chris Leder e Kevin Rodgers
Editore
Ravensburger
Giocatori
2-4
Tempo
45-60 minuti
Potete acquistarlo su...

È arrivato il momento di riattivare i tempo circuiti, perché Ravensburger ha portato in Italia Back to the Future: Dice Through Time, il nuovissimo gioco da tavolo tratto dalla saga cinematografica di Ritorno al Futuro che farà esclamare “grande Giove!” a tutti i fan del franchise.

Realizzato da Ken Franklin, Chris LederKevin Rodgers, il nuovo gioco da tavolo con protagonisti Doc e Marty (ma soprattutto Biff) porterà da 2 a 4 giocatori a collaborare per riportare gli oggetti disseminati da Tannen nelle quattro linee temporali che tutti conosciamo grazie alla trilogia.

Il tutto in circa 45-60 minuti di tempo di gioco che, nonostante la nostra macchina del tempo, potrebbero terminare prima di quanto pensiamo! Se volete scoprire il perché, ecco la nostra recensione di Back to the Future Dice Through Time.

Back to the Future Dice Through Time 3

La recensione di Back to the Future Dice Through Time

All’interno della scatola del gioco

Dentro alla scatola di Back to the Future Dice Through Time troveremo ad attenderci, comodamente disposti in un eccellente inserto in plastica:

  • 1 tabellone di gioco (coloratissimo e raffigurante le Hill Valley del 1885, 1955, 1985 e 2015)
  • 4 schede giocatore
  • 4 pedine DeLorean,
  • 4 pedine Biff e relative basi in plastica (ognuno con un vestito diverso per ogni epoca)
  • 16 dadi (4 set per giocatore)
  • 72 carte evento
  • 20 carte oggetto
  • 20 gettoni paradosso
  • 24 gettoni Einstein
  • 1 segnalino OUTATIME
  • 1 segnalino giocatore
  • 1 regolamento in italiano

Fatta eccezione per le carte, piccole, difficili da mescolare e piuttosto fragili (meglio dotarsi di qualche bustina protettiva per l’occasione), il resto del materiale è tutto di ottima qualità. I segnalini sono in cartoncino rigido, così come le schede di aiuto per i giocatori, pratiche e comode come non mai; ognuna personalizzata a tema con uno dei quattro anni in cui Marty viaggia nei film.

I dadi customizzati sono pesanti e di qualità, ed in generale il tutto ha un feeling molto anni ’80 (non conosciamo il nome dell’artista che ha realizzato le grafiche purtroppo). Il regolamento è ben scritto e con diversi esempi e, sul retro del tabellone, una sorpresa attende tutti i fan della saga. Davvero, non potremmo chiedere di più.

Di seguito potete trovare il nostro unboxing di Back to the Future Dice Through Time, per farvi un’idea più chiara di quello di cui stiamo parlando:

Come si gioca a Back to the Future Dice Through Time?

Come già anticipato in apertura nella nostra recensione di Back to the Future Dice Through Time, il gioco di Ravensburger è un titolo collaborativo per 2-4 persone, in cui i giocatori seduti attorno al tavolo dovranno riconsegnare, nel luogo e nell’anno corretti, degli iconici oggetti disseminati da Biff lungo 4 diverse linee temporali. Come? È presto detto.

Un turno di gioco si svolge in 6 diverse fasi, che potremo facilmente consultare grazie alle schede riepilogative dei giocatori.

Per prima cosa dovremo pescare diverse carte evento a seconda del numero di giocatori. Queste potrebbero attivare alcune modifiche al regolamento per il turno in corso o, più frequentemente, collocare un evento da risolvere in un preciso luogo e anno presenti sulle 4 linee temporali del tabellone.

Per risolvere un evento (una scena iconica della saga) dovremo trovarci con la nostra DeLorean (ce n’è una per giocatore sul tabellone) in quel preciso momento e luogo, avendo a disposizione la combinazione di dadi giusta tra quelli che avremo lanciato nella seconda fase.

Back to the Future Dice Through Time 12

Non starò ad elencarvi il funzionamento di ogni dado ma sappiate che esistono 6 diverse possibilità che, oltre a risolvere gli eventi (ogni carta riporta uno o due risultati necessari per essere risolta), ci permetteranno nella terza fase di spostarci lungo o attraverso le linee temporali, risolvere i paradossi (ne parleremo dopo) o ritirare i dadi non utilizzati.

Tra questi è presente anche il “pugno“, un risultato che ci permetterà di spostare il Biff presente sulla nostra linea temporale e che potrebbe bloccare il luogo dove ci troviamo, non permettendoci di svolgervi azioni. D’altronde, Biff era abituato a prendere pugni nella saga, no?

Se poi doveste tirare un doppio potrete attivare Mr. Fusion, ovvero un’abilità che ci permetterà di convertire due risultati uguali in qualsiasi altro dado.

Risolvendo le carte evento riceveremo una carta oggetto in cambio (ne potremo avere massimo 2 per giocatore), che dovremo necessariamente consegnare in un preciso luogo di una differente linea temporale. Basterà che questa sia libera da Biff e da altri eventi. Una volta consegnato un oggetto, in cambio verrà fornito a disposizione dell’intero gruppo un gettone Einstein, che potremo spendere come fosse un dado nel nostro turno.

Back to the Future Dice Through Time 31

Il tempo però stringe e, nonostante la nostra DeLorean personalizzata da Doc, dovremo consegnare tutti gli oggetti del gioco prima del termine del tracciato OUTATIME.

Composto da 12 caselle, questo avanzerà di tanti spazi quanti saranno gli eventi non risolti nella linea temporale che ne contiene di più. Attenzione però! Se non risolveremo un evento nel turno in cui lo stesso appare, un gettone paradosso verrà collocato sopra di esso. Per ogni gettone sulla linea temporale dovremo spostarci di uno spazio aggiuntivo sull’indicatore OUTATIME.

I giocatori vinceranno se consegneranno tutti gli oggetti del gioco in tempo. Viceversa…

Back to the Future Dice Through Time 42

È l’ora di Howdy Doody (o delle conclusioni sul gioco da tavolo di Ritorno al Futuro, se preferite)

Prima di lanciarci nelle conclusioni di Back to the Future Dice Through Time, è doveroso spiegare un paio di meccaniche di gioco che, seppur marginali, meritano di essere citate perché degne del genio di Doc e più in tema Ritorno al Futuro di ogni altra cosa presente nel gioco da tavolo.

La prima è la possibilità di lasciare uno dei nostri dadi (e relativo risultato) ad un giocatore nel futuro. Ad esempio, nel 1955 potremmo lasciare un dado pugno ad un giocatore presente nello stesso luogo nel 1985 o 2015, ma non nel 1885 (perché il dado ancora non esisteva!).

La seconda, più semplice concettualmente ma non banale, è la possibilità che due DeLorean (e quindi due giocatori) si incontrino nello anno e nello stesso luogo, generando così un paradosso temporale e facendoci avanzare immediatamente di due caselle sul tracciato OUTATIME. Grade giove!

Due meccaniche, come dicevamo, davvero a tema Ritorno al Futuro, ma che, ahimè, riuscirete a sfruttare quasi esclusivamente in 4 giocatori. In 2 e, spesso, in 3 giocatori, sono casi che difficilmente si presenteranno nel corso della nostra sessione.

Back to the Future Dice Through Time soffre poi di tutti quei “difetti”, se così li vogliamo chiamare, tipici del genere. Nonostante le 4 diverse difficoltà di gioco (cambia semplicemente il numero di oggetti da riconsegnare prima dello scadere del tempo) le carte evento e il lancio di dadi potrebbero favorire una partita piuttosto che un’altra. L’alea c’è ma non è così determinante, ed è anche qualcosa che in un family game cooperativo di questo tipo dovreste aver già messo in conto. Essendo poi Back to the Future Dice Through Time un titolo cooperativo, lo spettro dell’alpha player è sempre dietro l’angolo.

Un risultato dado, quello del fulmine, è poi particolarmente raro che sia effettivamente utile. Spesso perdere un dado, che potremmo utilizzare anche solo per spostarci di una casella lateralmente, non sarà vantaggioso; nemmeno per ritirare tutti gli altri dadi.

Semplicità e divertimento non vengono però minati da questi piccoli dettagli, rendendo ogni partita a Back to the Future Dice Through Time sempre piacevole e divertente da proporre ad amici e famiglia.

Tra tutto questo il titolo di Ravensburger ha però un pregio non di poco conto: la licenza del gioco da tavolo di Ritorno al Futuro che, se possibile, è ancor più azzeccata di quanto fatto in passato dall’azienda tedesca con il gioco da tavolo de Lo Squalo o con Villainous (di cui pochi giorni fa abbiamo visto insieme l’espansione Wicked to the Core). È tutto una citazione continua.

Con un sistema di gioco semplice e veloce respirerete Ritorno al Futuro con ogni lancio di dado… e con ogni salto temporale. Consegnare un hoverboard nel 2015 o prendere a pugni Biff nel parcheggio della scuola di Hill Valley nel 1955 ha un sapore impareggiabile, che da solo vale la spesa del gioco (che potete, a proposito, trovare A QUESTO INDIRIZZO).

Il tutto ovviamente a patto che siate dei fan della saga, ma chi non lo è?

In definitiva? Lo so, andiamo sul pesante, ma è il miglior gioco da tavolo di Ritorno al Futuro sul mercato.

Back to the Future Dice Through Time 38
Back to the Future Dice Through Time
Nonostante qualche problema tipico del genere, Back to the Future Dice Through Time è semplicemente l'esperienza migliore a tema Ritorno al Futuro che potreste trovare oggi in un gioco da tavolo. Chissà se hanno giochi migliori nel futuro...
Pro
Una licenza forte, sfruttata a meraviglia
Semplice, veloce da giocare e da spiegare
Materiali di gioco (quasi) perfetti
Un paio di idee geniali...
Contro
...che però vedrete solo in 4 giocatori
Qualche incertezza su un paio di meccaniche
Spogliato della licenza è "solo" un buon gioco
7.8
Voto Finale
Acquista su...
guest
0 Commenti
Feedback in ordine
Vedi tutti i commenti
...e questo?
Orlog
Assassin’s Creed Valhalla: l’Orlog presto diventerà un vero gioco da tavolo