SpaceX: provate anche voi l’attracco di Crew Dragon all’ISS con il simulatore ufficiale online

Crew Dragon

Circa due ore fa, alla strabiliante velocità di 28.800 chilometri orari, la capsula Crew Dragon di SpaceX partita ieri con il razzo Falcon 9, ha effettuato l’attracco alla Stazione Spaziale Internazionale.

Grazie a uno speciale simulatore online di SpaceX è possibile provare in prima persona lo storico attracco della navetta Crew Dragon alla Stazione Spaziale Internazionale

Dopo il celebratissimo lancio avvenuto ieri dalla piattaforma 39A di Cape Canaveral, la stessa usata dai Saturn V del Programma Apollo che videro l’uomo arrivare per la prima volta sulla Luna con l’Apollo 11, che ha permesso agli USA di arrivare nello spazio in autonomia dopo quasi 10 anni, l’aggancio della capsula ha rappresentato un altro evento epocale: per la prima volta una navetta privata con un equipaggio governativo (gli astronauti Doug HurleyBob Behnken della NASA) ha attraccato al laboratorio che orbita a quota 400 chilometri dalla Terra.

La manovra di aggancio è stata gestita in maniera completamente automatica, anche se i due astronauti erano comunque pronti a usare il joystick per un eventuale attracco manuale, esperienza che è possibile vivere in prima persona grazie al simulatore ufficiale di Crew Dragon fornito da SpaceX direttamente sul proprio browser a questo indirizzo.

Nonostante si tratti di un simulatore semplificato, che non riproduce nella sua interezza l’intera sequenza dei comandi per l’attracco, la web-app permette comunque di avere una rappresentazione molto fedele del comportamento della capsula, dei comandi da eseguire e dei parametri da tenere monitorati per effettuare il “soft capture”.

Qui di seguito trovate un pratico video tutorial che spiega in maniera molto esaustiva come completare la manovra correttamente.

Cosa fate ancora lì? Corrette a provare l’attracco e mi raccomando, occhio a non urtare il marciapiede quando parcheggiate!

...e questo?
osiris rex bennu
La sonda Osiris-REx ha raccolto dei campioni dall’asteroide Bennu