Simon Pegg non è certo che Star Trek 4 si farà: “non si fanno soldi come con i film Marvel”

Torniamo ancora una volta a parlare di Star Trek 4, il nuovo capitolo della saga che dovrebbe essere diretto da Noah Hawley (probabilmente con un altro cast) e che, stando alle ultime dichiarazioni di Simon Pegg, potrebbe non essere nemmeno realizzato a causa del poco profitto generato dai film del franchise al cinema.

Star Trek non guadagna bene al cinema come i film Marvel, e Simon Pegg getta ombre sulla possibilità di vedere effettivamente l’arrivo di Star Trek 4

In particolare, parlando con Games Radar, l’attore che nella saga prodotta da J.J. Abrams interpreta Montgomery “Scotty” Scott, ha fatto un confronto con i film Marvel, più sicuri e profittevoli rispetto ai film di Star Trek:

“Il fatto è che i film di Star Trek non fanno gli stessi soldi dei film Marvel. Al massimo possono arrivare ad incassare 500 milioni di dollari a fronte di un costo di 200 milioni. Ne devi incassare tre volte almeno il triplo per fare profitto, e non credo che andremo avanti.

Patrick Stewart Star Trek

L’attore ha poi proseguito parlando dell’occasione mancata del 50° anniversario del franchise, e di come la perdita di Anton Yelchin abbia influito probabilmente sulla brusca frenata della saga:

Non hanno approfittato del 50° anniversario. Abbiamo perso l’attimo. Credo che la perdita di Anton Yelchin sia stata un duro colpo per la nostra famiglia, e questo potrebbe aver condizionato anche la voglia di fare un altro film.”

Nonostante tutto, Star Trek 4 verrà prodotto dalla Paramount insieme alla Bad Robot di J.J. Abrams e alla 26 Keys di Noah Hawley, il quale ha già preannunciato che si ispirerà a Star Trek II – L’ira di Khan del 1982 tentando di non concentrarsi sulle scene di azione.

Nel frattempo sembra ormai remota la possibilità che un film di Star Trek diretto da Quentin Tarantino possa vedere effettivamente la luce.

Cosa ne pensate? Fatecelo sapere tramite un commento qui sotto!

...e questo?
Tiger King: Tara Reid in trattative per il ruolo di Carole Baskin nel film