Una serie TV spin-off di Solo: A Star Wars Story sarebbe in lavorazione per Disney+ [Rumor]

Uno spin-off di uno spin-off, questo è il rumor che circola in rete da alcune ore e che vedrebbe Disney al lavoro su una serie TV sequel di Solo: A Star Wars Story, lo sfortunato film standalone sul contrabbandiere galattico che avrebbe meritato maggior riconoscimento di quello che il botteghino ha riservato al film di Ron Howard.

Secondo un recente rumor Disney sarebbe al lavoro su una serie TV di Solo: A Star Wars Story da trasmettere sulla piattaforma di streaming della casa di Topolino

Il flop tutto commerciale e di marketing della pellicola, che ha spinto addirittura Disney a bloccare tutti gli altri spin-off della saga Star Wars o quantomeno a reinventarli come serie TV (vedi The Mandalorian), ha da tempo chiuso le porte a un Solo 2, anche se voci e indiscrezioni danno la casa di Topolino impegnata in un seguito sotto forma di serie TV da trasmettere sulla nascente piattaforma di streaming Disney+.

Il rumor, proveniente da Star Wars Unity (con un attendibilità tutta da verificare), parla di uno show che non avrebbe come protagonista il personaggio interpretato da Alden Ehrenreich, ma dovrebbe essere incentrato sui conflitti tra le più pericolose bande criminali di quella galassia lontana lontana come come gli Hutt e l’Alba Cremisi.

Anche se probabilmente non vedremo mai un sequel o una continuazione della storia di Han, ho sentito voci secondo le quale alcuni spin-off sono stati sviluppati come serie TV Disney+ e sono susseguenti agli eventi narrati nel film.

Poiché probabilmente non si tratterebbe di storie con Han, Chewie o Lando, forse sarà una sorta di serie sui criminali e sulla malavita della galassia.

Fermo restando che si tratta di un rumor e che, come tale, potrebbe essere presto smentito e svanire nel nulla, cosa ne pensate di una serie TV simile? Fatecelo sapere con un vostro commento qui sotto.

Fonte: Geektyrant

Leggiamo altro?
vikings 6
Vikings 6: Recensione del terzo episodio “Fantasmi, dei e cani da corsa”