La Figlia di Caino: il romanzo horror-gotico di Natascia Norcia

la figlia di caino myth press

Immortalità e dannazione. Ecco due dei temi principali de La Figlia di Caino, primo libro di Natascia Norcia edito da Myth Press. Si tratta di un romanzo horror dai toni gotici che ci farà vivere l’esperienza di osservare le tenebre con gli occhi di un immortale.

Scopriamo La Figlia di Caino, romanzo edito da Myth Press e scritto da Natascia Norcia. Una storia sul mondo visto dalla prospettiva di vampiri immortali

La storia racconta di Justine, una ragazza ormai indissolubilmente legata alla sua vita immortale. Sulla giovane cainita incombe una grande responsabilità piena di rischi e dolore: è l’unica che può combattere la minaccia imminente di un pericoloso demone che sta minando la sicurezza di vampiri e umani.

Ecco la trama del libro:

L’ombra minacciosa di un antico golem serpeggia tra le campagne del centro Italia. Justine è l’unica a possedere la chiave per imbrigliare il pericoloso demone, ma la sua anima dannata la costringerà a compiere sacrifici inimmaginabili.

La figlia di Caino, Volume 1 è il primo atto di una storia che potrebbe benissimo non finire mai, la storia di un mistero oscuro dai toni gotici che pian piano vi condurrà dinanzi alle schiere di quelli che sono i veri demoni del mondo, attraverso gli occhi di un personaggio che non può non essere reale; emozioni e sensazioni, pensieri e turbamenti di una donna, a volte fanciulla, altre volte creatura millenaria, ma sempre passionale e viva. Justine si nutre con astuzia della mortalità, ma vi cerca anche il freno per non cedere all’Io violento che concede vita alla sua anima immortale.

La Figlia di Caino: il mondo cupo degli immortali

Myth Press, che meglio conosciamo per il gioco di ruolo Incubus, si affaccia sul panorama editoriale con il romanzo di Natascia Norcia, La Figlia di Caino, Volume I.

Si tratta di un libro che ci racconta le problematiche e le oscure vicende dei vampiri che vivono una vita parallela (e notturna) rispetto a quella degli umani, gestendo situazioni che sfociano nel soprannaturale. È proprio in una di queste situazioni che si ritroverà la protagonista Justine, che viene convocata per le sue abilità particolari al fine di poter gestire la presenza di uno strano demone che uccide umani e immortali.

Un elemento molto interessante del romanzo è la rappresentazione della società nascosta dei vampiri. Non si tratta del tutto di una novità (i giocatori di ruolo che hanno provato Vampiri la Masquerade e i lettori di altri romanzi del medesimo genere ne sanno qualcosa), ma sicuramente uno dei pregi di questo romanzo è quello di avvicinarci a un mondo soprannaturale e alieno mostrandoci però le problematiche più quotidiane e “terrene” degli esseri immortali.

Certo, i vampiri restano, come nell’immaginario comune, bellissimi e dotati di poteri che a volte vanno al di là dell’umana comprensione, ma rappresentarne dolori, sfide, gesti quotidiani li fa sembrare molto più vicini e simili a noi. Così in La Figlia di Caino la struttura della società dei cainiti e l’iter quotidiano di un immortale vengono presentati in modo molto semplice e diretto, come se si stesse parlando di persone comuni, con una sensazione di straniamento che invece di allontanare il lettore, lo avvicina ancora di più alle sorti dei protagonisti.

E, nel romanzo, la sorte dei protagonisti non è mai idilliaca. E non ci aspetteremmo altro da un romanzo horror-gotico che tratta di vampiri! Il libro, infatti, ci mostra il dramma e l’orrore dell’essere una bestia soprannaturale che si nutre di sangue, con i sensi di colpa e i rimpianti per una vita umana che non si è conclusa nella sua interezza. Per questo non ci si può non ritrovare in Justine, una protagonista che, sia in vita che poi da immortale, compie errori, ha ripensamenti, prova gelosia e ambizione. Un personaggio che sa bene chi è e quello che vuole, ma che non può fare a meno di tornare incessantemente al passato, a quella sua vita mortale non sempre felice ma che sicuramente ha segnato il suo carattere per sempre.

Immortalità: fine di una vita o inizio di una storia?

La Figlia di Caino potrebbe essere la prima parte di una saga. È possibile e in effetti quel “Volume I” ce lo fa ben sperare! Si tratta di un formato editoriale molto comune e che inserisce il libro nel filone dei romanzi gotici dai tratti horror sui vampiri fatti di trilogie e tetralogie. Non solo il formato editoriale, ma anche le tematiche affrontate e la scrittura inseriscono appieno il volume nell’universo della letteratura teens per giovani lettori.

La Figlia di Caino è perfetto per questo target, unendo problematiche e contraddizioni spesso tipiche di quel periodo della vita in cui ci si affaccia nel mondo degli adulti. Nel libro troviamo infatti temi legati a diversi tipi di relazioni amorose (alcune violente, altre più idealizzate, altre più “terrene”), contraddizioni e sensi di colpa, il voler cercare la propria individualità ma al contempo la necessità e la volontà di non stare soli. Insomma, per il suo target, La Figlia di Caino ha centrato decisamente l’obiettivo!

E anzi, come tutte le letture teens, anche questo romanzo ha qualcosa da dire anche ai lettori più cresciuti. Sicuramente molto interessanti le digressioni dal sapore quasi onirico di Justine, tramite le quali riesce ad affrontare faccia a faccia i suoi timori e le sue paure più recondite. Un riuscito esperimento di letteratura onirica e interiore che rappresenta di certo una delle parti più toccanti e coinvolgenti del libro.

Un grandissimo merito va all’autrice che, benché sia solo al suo primo romanzo, dimostra già di avere una padronanza nella rappresentazione e nella caratterizzazione dei personaggi che non può non coinvolgere. Ricorderete i nomi dei protagonisti del libro per diverso tempo e sicuramente non vi scorderete alcuni dei loro tratti caratteriali.

Pronti per il sequel?! Come anticipato (e senza fare spoiler!), La Figlia di Caino e il suo finale si prestano molto bene a una continuazione. Vedremo che cosa l’autrice avrà in serbo per noi!

La Figlia di Caino - Volume I
La Figlia di Caino è un romanzo dai tratti horror e gotici che racconta le vicende degli esseri immortali più affascinanti della letteratura: i vampiri. Il libro presenta le contraddizioni e l'orrore di una vita violenta e bestiale, unita a sentimenti e desideri tipicamente umani. Una storia che, sebbene sembri rivolgersi ad un pubblico teens, risulta essere una lettura piacevole, scorrevole e interessante per tutte le fasce d'età. D'altronde, chi può resistere al fascino dei vampiri?
Pro
Caratterizzazione dei personaggi
Lettura coinvolgente e scorrevole
Contrapposizione tra sentimenti umani e immortalità
Contro
Fine brusca che necessita di un sequel
Alcuni stereotipi della letteratura amorosa
Molta attenzione è rivolta alla protagonista a scapito degli altri personaggi
7.3
Voto Finale
Leggiamo altro?
luke skywalker r2-d2
Il nuovo fumetto di Star Wars rivela l’identità degli altri apprendisti di Luke Skywalker