GenCon 2019: Quali sono i giochi da tavolo più attesi?

giochi più attesi del GenCon

Anche quest’anno, dall’1 al 4 agosto, si terrà ad Indianapolis una delle fiere nerd più importanti al mondo fra quelle legate al mondo dei giochi da tavolo.

Noi abbiamo deciso, fra i numerosi titoli presenti, di indicarvi quali sono i giochi più attesi del GenCon 2019 che presto potremo portare anche noi sui nostri tavoli.

Dai Kickstarter di successo a titoli ispirati a serie TV e film: ecco i 5 giochi più attesi del GenCon di quest’anno

Vista l’immensa mole di nomi che saranno presenti alla kermesse nord-americana (se volete farvene un’idea vi consigliamo di visitare il sito ufficiale) non è stato semplice capire quali fossero i titoli migliori di quest’anno; o quantomeno quelli per i quali c’è il maggior interesse a livello globale da parte degli appassionati.

Senza alcuna pretesa di classifica stiliamo quindi la lista di quelli che hanno destato, a nostro avviso, maggior fervore. Eccovi quindi, senza ulteriori indugi, i 5 giochi più attesi del GenCon 2019 (più un paio di espansioni meritevoli di nota).

Pipeline

pipeline gioco da tavolo giochi più attesi del GenCon

Di Pipeline vi avevamo già parlato qualche tempo fa.

Il titolo di Capstone Games, progettato da Ryan Courtney ed illustrato nientepopodimeno che dal famosissimo Ian O’Toole (The Gallerist,Vinhos, Jonathan Strange & Mr Norrell) trasforma da 2 a 4 giocatori, dai 12 anni in su, in magnati dell’industria petrolifera alle prese con una concorrenza spietata.

Si tratta di un eurogame con meccaniche di piazzamento tessere e di gestione delle risorse, in cui i giocatori dovranno assumere lavoratori esperti ma anche gestire la logistica dell’acquisto e della vendita dell’olio raffinato cercando di trarre vantaggi competitivi sempre maggiori.

In attesa dell’uscita di Pipeline se vi piacciono i giochi di Capstone Games potete trovarne altri A QUESTO INDIRIZZO.

Terror Below

Terror Below è il gioco da tavolo di Renegade Games Studio ispirato ad un famoso film cult degli anni 90: Tremors.

Finanziato ad inizio anno grazie ad una campagna Kickstarter di enorme successo, il gioco arriverà il prossimo mese sui tavoli dei backer di tutto il mondo ma è già disponibile per il preordine in versione retail. Ovviamente sarà testabile anche allo stand di Renegade, se avrete la fortuna di essere ad Indianapolis il prossimo mese.

Si tratta di un gioco competitivo per 1-5 giocatori dai 10 anni in su che li coinvolge in partite della durata di 45-60 minuti ciascuna. Il titolo ideato da Mike Elliott è ambientato in Nevada, qui delle creature immonde si sono risvegliate e sono pronte a risorgere dalla terra, qualora emettessimo troppe vibrazioni (ricorda proprio Tremors, e ora vorrete rivederlo vero?)

L’obiettivo di Terror Below è di totalizzare per primi 20 punti vittoria (VP) raccogliendo le uova dei mostruosi vermi protagonisti del gioco e di consegnarle in appositi luoghi e/o uccidendo gli orridi biscioni che troveremo sulla nostra strada.

Power Rangers: Heroes of the Grid

giochi più attesi del GenCon Power Rangers: Heroes of the Grid

Fra i  giochi più attesi del GenCon 2019 figura sicuramente anche Power Rangers: Heroes of The Grid, ideato da Jonatan Ying (Star Wars: Assalto Imperiale) ed edito da Renegade Game Studios.

Questo titolo, annunciato al GenCon 2018 (di cui vi proponiamo alcune immagini qui sotto), ci porterà a combattere le armate della malvagia Rita Repulsa in un gioco collaborativo per 2-5 giocatori dai 14 anni in su.

All’interno della scatola troveremo le miniature dei 5 ranger, della cattivissima Rita Repulsa e numerosi mostri e soldati nemici, oltre a tutte le carte necessarie per far interagire i personaggi in battaglia, ai token e ai dadi per calcolare i danni. Ogni Ranger ha un mazzo di combattimento unico che rappresenta le sue abilità speciali e lo stile di combattimento.

Il gioco dei Power Rangers è già preordinabile al prezzo di 90 dollari e sarà possibile ritirarlo in anteprima (uscirà ufficialmente solo il 7 agosto) presso lo stand dell’editore di Indianapolis.

Quelli che, ahimè e come me, non potranno esserci possono comunque scaldarsi con un altro gioco a tema, Il Trivial Pursuit dei Power Rangers, sarà pure una magra consolazione ma almeno è acquistabile A QUESTO INDIRIZZO.

Era: Medieval Age

giochi più attesi del GenCon Era Medieval Age

Il nuovo titolo di Matt Leacock (Pandemic), che sarà portato il Italia da Cranio Creations, è un gioco da tavolo per 1-4 giocatori dagli 8 anni in su con una durata di 45-60 minuti a partita.

Era: Medieval Age è un roll-and-build ambientato nel Medioevo che sfrutterà delle componentistiche tridimensionali come chiese, fattorie, mulini, mura del castello (e tanto altro) per permettere ai giocatori di costruire il proprio villaggio medievale sul tavolo da gioco. I dadi, invece, simuleranno le diverse classi sociali presenti all’epoca.

Al GenCon 2019 il gioco sarà disponibile al prezzo di 69,90 dollari.

The Isle of Cats

Il gioco è tuttora in finanziamento su Kickstarter ed ha già racimolato oltre 260.000 sterline da più di 4.500 backer, ma sarà testabile alla kermesse americana, a campagna finita.

Si tratta di un titolo competitivo per 1-4 giocatori con meccaniche di gestione della mano e di “piazzamento gatti” di difficoltà media che comprende varie modalità di gioco: dalla “family”, alla modalità solitario, fino ad una modalità ben più aggressiva per giocatori esperti.

Una partita a The Isle of Cats dovrebbe durare fra i 60 e i 90 minuti.

Siete cittadini di Squall’s End in una missione di salvataggio sull’Isola dei Gatti e dovete salvare quanti più gatti possibile prima che arrivi il malvagio Lord Vesh. Ogni gatto è rappresentato da una tessera unica e appartiene a una famiglia, è necessario trovare un modo per piazzarli tutti sulla vostra barca mantenendo le famiglie insieme.

E questo è tutto per quanto riguarda i 5 giochi più attesi al GenCon 2019!

Ma vi avevamo promesso anche le due espansioni più attese fra quelle presentate a Indianapolis, quindi eccole, è nostro dovere indicarvele!

Endeavor: Age of Expansion

L’espansione di Endeavor, edito in Italia da Cranio Creations, è stata curata da Jarratt Gray, uno dei due autori del gioco base.

In Endeavor: Age of Expansion, i giocatori utilizzeranno le stesse meccaniche già note implementandole con una nuova serie di edifici e carte per partite completamente nuove e nuove modalità d’interazione.

Il nuovo mercato dell’edilizia crea un’esperienza strategica completamente diversa rispetto al gioco base pur mantenendone le regole di gioco. Oltre alle azioni conosciute vengono aggiunte novità come il commercio, la fortificazione e la mobilitazione, ma anche un nuovo set di carte , che presentano nuovi simboli necessari per espanderne la rigiocabilità.

Nell’attesa di poter implementare le vostre partite potete ancora trovare il gioco base di Endeavor su Amazon A QUESTO INDIRIZZO.

Theotihuacan: Late Preclassic Period

giochi più attesi del GenCon

C’è anche un po’ di Italia fra le espansioni più attese di quest’anno, grazie a Teotihuacan: Late Preclassic Period, prima espansione del gioco da tavolo ideato, fra gli altri, anche da Davide Tascini.

Teotihuacan: Late Preclassic Period è un’espansione modulare che introduce diverse nuove opzioni per arricchire ed espandere l’esperienza di gioco. I poteri asimmetrici del giocatore danno ad ogni giocatore un beneficio unico. Un quarto tempio prestigioso consente lo sblocco di potenti abilità permanenti, mentre è molto più difficile avanzare. Gli effetti variabili influenzano ogni stagione ed eclissi. Nuove tecniche ingegneristiche e rinnovati piani per abbellire la piramide centrale del sole offrono nuove sfide e possibilità.

Tutti i moduli sono compatibili tra loro e possono essere goduti insieme o individualmente.

Se ancora non avete il gioco base, edito in Italia da Giochix, potete acquistarlo A QUESTO INDIRIZZO.

E voi, siete fra i fortunati che saranno ad Indianapolis ad agosto? O attenderete che i giochi più attesi del GenCon arrivino direttamente in Italia? Fatecelo sapere con un commento qui sotto.

Leggiamo altro?
Destiny 2: Ombre dal Profondo – Recensione