Vas Quas Editrice: il ritorno dell’etichetta indie – Intervista

Vas Quas Editrice, etichetta del panorama dei giochi di ruolo indie in Italia, torna in attività dopo un periodo di stop. Una bella notizia che molti appassionati di GdR aspettavano da tempo!

Noi di JustNerd abbiamo deciso di fare qualche domanda a Giovanni Micolucci, a capo di questa casa editrice che ama definirsi non convenzionale, per scoprire di più riguardo i principi che animano il progetto e i giochi di ruolo in uscita.

Scopriamo di più su Vas Quas Editrice, etichetta del panorama indie italiano, con questa intervista. Anticipazioni sui progetti futuri, nuove uscite e molto altro ancora!

Ecco le nostre domande per saperne di più su Vas Quas Editrice!

Vas Quas Editrice: un fantastico ritorno sulle scene del panorama del gioco di ruolo indie italiano! Negli anni passati avete portato all’attenzione dei giocatori alcuni GdR davvero molto interessanti e in molti sentivano la vostra mancanza. Ma come è stato tornare a presentarsi in questo settore che negli ultimi tempi sta conoscendo una rinnovata stagione di successo? Quanto di Vas Quas è cambiato rispetto al passato e cosa, invece, non è affatto mutato?

In Vas Quas abbiamo sempre basato tutto su dei principi “Persone, Giocare, Entusiasmo e Passione”, valori che non abbiamo mai cambiato. Tornare dopo quattro anni di assenza non è stato facile, anche perché per ripartire ci vuole un grosso slancio non solo a livello di investimento, ma anche semplicemente per riprendere i contatti con tutti i vecchi amici.

Sicuramente quello che non è cambiato sono i nostri principi, anzi li confermiamo pienamente ancora oggi, infatti quando si è trattato di scegliere se continuare a produrre giochi piuttosto di giocare, noi abbiamo scelto la seconda. La novità è che stiamo cercando di estendere la nostra rete di collaboratori all’esterno del nostro gruppo, cosa che prima non facevamo, questo ci sta permettendo di tornare più presenti di un tempo, almeno sulla rete per ora.

Ma passiamo subito a parlare di novità! Da pochissimo sono usciti due vostri nuovi manuali: Oscura Minaccia e THE MOAB “L’Era zombi”. Da una parte un GdR introspettivo con elementi action, dall’altra un gioco di ruolo “splatter” a tema Zombie. Raccontaci un po’ di questi progetti.

Sono giochi diametralmente opposti. Vi parlo prima di Oscura Minaccia, perché è in realtà la seconda edizione di un nostro gioco: “Il Mio Fantasy”. Il titolo della prima edizione esprimeva in fondo lo spirito del gioco, ovvero il modo in cui noi abbiamo sempre giocato nel nostro gruppo giochi in cui interpreti un eroe. Eroi che sono pronti a partire lasciando tutto quello che hanno, per un unico scopo: sacrificarsi per il bene comune. Il risultato sono Eroi molto profondi e molto spesso alla fine di un’avventura il gioco ti lascia un senso di amarezza per chi non ce l’ha fatta ad arrivare alla fine.

THE MOAB “L’era degli zombi” è un gioco di ruolo particolare, perché in modo dichiarato ti spiega che il GM interpreta THE MOAB e gioca in modo diretto contro il gruppo di Ribelli. Il gioco, inoltre, non è il classico gioco a tematica zombi survival: il gruppo di ribelli ha tutte le armi per potersi difendere da THE MOAB, ma nel farlo dovranno essere bravi a non cedere a quest’ultimo. Ovvero, il sistema è fatto in modo che più i giocatori vogliono potere, più iniziano a sviluppare dentro di loro il virus di THE MOAB, fino al punto di poter diventare una sua pedina.

Una premessa davvero molto interessante per un GdR a tema zombie! Ma… non ci sono solo i nuovi giochi! In passato so che avete promosso, anche prima della pubblicazione di GdR, diverse attività di promozione del gioco di ruolo tramite corsi, occasioni di playtest e molto altro ancora. Avete pensato di tornare con qualche nuovo appuntamento? Ci saranno occasioni per trovarsi e giocare insieme?

Certamente! Ci stiamo preparando per partecipare al Discord Role Play Day che si terrà il 22 Giugno, saremo presenti alla SpringCON che si terrà il 29 Giugno 2019 a Roma, e quest’anno dovremmo riuscire anche ad esser presenti con tutti i nostri titoli a Lucca Comics. Inoltre organizziamo demo, playtest, sessioni di gioco ogni settimana, e anzi colgo l’occasione per invitarvi a partecipare.

Giochi di ruolo e mondo indie. Il premio di Gioco di Ruolo dell’Anno quest’anno è stato vinto da Lovecraftesque, un traguardo importante per il panorama dei GdR indie, settore nel quale voi vi inserite. Come vedi il mondo dei giochi di ruolo indie? Cosa simboleggia la vittoria di un gioco indie ad un premio così chiacchierato?

Noi di Vas Quas Editrice ci troviamo molto nel concetto di Indie, infatti non ci poniamo come una casa editrice tradizionale. Questo lo facciamo principalmente per un motivo: ci consente di pubblicare giochi dalle tematiche diametralmente opposte che magari non in egual misura sono richieste dal mercato. Sono felice per la vittoria di Lovercraftesque e spero che serva a far capire a moltissime persone che esistono giochi di ruolo di vario tipo e gusto.

Non posso esimermi da un’ultima classica e intramontabile domanda finale: quali sono i vostri progetti per il futuro? Possiamo aspettarci nuovi giochi a breve? Accettiamo volentieri qualsiasi tipo di spoiler!

Ci stiamo preparando per lanciare Unforgettable Bastard, un gioco di ruolo di antieroi, in cui si interpretano perfette “carogne dello spazio”. Parliamo di Contrabbandieri, Cacciatori di Taglie, schiavi della guerra che una volta che si sono liberati dalle catene, hanno scelto la strada più semplice, quella criminosa per raggiungere il potere, ma ovviamente la strada più facile è anche quella più pericolosa e in poco tempo potrebbe trascinarli nel baratro.

Ci sono vari altri progetti che ci piacerebbe portare avanti, vi cito uno a cui teniamo in modo particolare: Beginner RPG, il nostro gioco di ruolo ideato per iniziare a giocare di ruolo. Si parte dai bambini di cinque anni che giocano in famiglia fino a quando avranno le capacità di giocare da soli. La particolarità del sistema è che i bambini non necessitano di leggere e le meccaniche sono studiate anche per bambini con disturbi dell’apprendimento.

Insomma, un ritorno che mette molta carne sul fuoco! Se volete avere maggiori informazioni su Vas Quas Editrice, non dimenticare di visitare la pagina Facebook dedicata.

Fateci sapere la vostra con un commento!

Potrebbe piacerti anche