Wolfenstein: Youngblood avrà microtransazioni

Wolfenstein: Youngblood

Qualche giorno fa, Bethesda ha svelato con un trailer la data d’uscita di Wolfenstein: Youngblood, nuova espansione e seguito diretto dell’ultimo capitolo delle avventure di B.J. Blazkowicz, in cui impersoneremo le sue due figlie gemelle in una campagna co-op.

Secondo le F.A.Q. sul sito Bethesda, Wolfenstein: Youngblood avrà delle micro-transazioni, mettendo da parte le famigerate loot-box

Dopo il Pax-East, la pagina inerente al gioco è stata aggiornata con diverse informazioni e F.A.Q. , in cui spicca la presenza di micro-transazioni.

Sì, ma solo per oggetti cosmetici. La maggior parte delle offerte in gioco sarà disponibile anche per l’acquisto tramite valuta guadagnata giocando.

Sono escluse, quindi, le loot-box che tanto hanno fatto parlare nei mesi scorsi per altri titoli e che sono state dichiarate illegali in diversi stati come il Belgio, ad esempio.

È stato quindi una sorta di modo per tutelarsi da eventuali critiche? Oppure il gioco era stato effettivamente concepito a questa maniera?

Lo scopriremo solo a partire dal 26 Luglio su PC, PlayStation 4, Xbox One e Nintendo Switch al prezzo di 29,99 euro, con Wolfenstein: Youngblood che sarà giocabile anche se non si ha il titolo originale.

E voi che ne pensate di questa presenza di micro-transazioni? Fatecelo sapere nei commenti!

Fonte: Bethesda

Leggiamo altro?
borderlands 3
Borderlands 3: Gearbox vorrebbe vedere la saga trasformata in un anime