Dragonero ed il suo futuro ci vengono raccontati dal team del fumetto fantasy di Bonelli

Durante Lucca Comics and Games 2017 lo stand della Sergio Bonelli Editore ha regalato una serie di soddisfazioni ai propri affezionati lettori. Dopo aver visto ieri la nostra intervista con Claudio Chiaverotti e Val Romeo sul nuovo corso di Morgan Lost e la presentazione della variant di Origini, il numero zero di Morgan Lost Dark Novels, oggi ci lanciamo nel mondo fantasy di Dragonero.

La serie fantasy creata da Luca Enoch e Stefano Vietti ha dimostrato di aver riscosso un grande successo presso il pubblico, creando anche una prolifica community Facebook, legata al Dragonero Forum. Dallo scorso anno, si è creata un’attesa febbrile sulla Saga delle Regine Nere, un lungo arco narrativo i cui presupposti sono stati inseriti per diversi mesi nella serie regolare e con il numero 54, Uccisori di draghi, finalmente assisteremo all’inizio della saga. A Lucca Comics and Games 2017 era presente anche un’edizione variant, con copertina di Marco Checchetto.

dragonero 54 variant

Oltre a questo interessante inizio, Stefano Vietti, Paolo Francescutto, Luca Enoch e Riccardo Crosa ci hanno raccontato anche delle nuove serie legate al mondo di Dragonero, come le Dragonero Adventures e Senzanima. La prima serie ci porterà nell’adolescenza di Ian Aranill, con uno stile narrativo adatto ai più giovani (ma che ha riscosso anche negli appassionati più maturi), mentre Senzanima è il primo capitolo della miniserie che mostrerà il passato da mercenario di Ian, una narrazione decisamente adulta e che completerà il quadro della vita di Dragonero. Una menzione speciale anche per Marina Sanfelice, storica letterista della Bonelli e della serie, che presto ci racconterà il suo incredibile lavoro su Dragonero.

Ma ora, ecco il video dell’intervista con il team di Dragonero.

E ricordate: Diverso è il passo, uguale è il cuore!

Leggi anche

Dragonero Adventures: Tre giovani eroi – Recensione

Dragonero Adventures, le prime avventure di Ian Aranill! Credo di aver sempre avuto la cur…