Pirati dei Caraibi: La Vendetta di Salazar – 8 cose che, forse, non sapevate sul film

pirati dei caraibi

Otto curiosità che forse non sapevate su la Vendetta di Salazar, l’ultimo capitolo della saga di Pirati dei Caraibi

Pirati, furfanti e bucanieri… pronti a salpare?!

In occasione dell’uscita in home video del dvd di Pirati dei Caraibi – La Vendetta di Salazar (il Blu-ray lo trovate su Amazon a 19,99 euro), torniamo a parlare di una delle saghe più famose degli ultimi anni.

Nonostante il grande successo dei film dei Pirati dei Caraibi, ci sono sempre nuovi particolari e indiscrezioni sulla realizzazione dei film che restano sconosciuti ai fan.

Sperando nell’uscita di un sesto capitolo, ecco per voi una rassegna di otto curiosità che forse non sapevate su Pirati dei Caraibi – La Vendetta di Salazar.

1) È stata costruita un’intera città

Ricordate la scena iniziale del film con la piccola cittadina, la piazza, le banche, il patibolo?

Ecco, questo set è stato interamente costruito da zero dalla troupe proprio per la realizzazione delle scene!

Molti attori e registi affermano che recitare e lavorare in un set appositamente costruito è sicuramente più stimolante che recitare in studio e seguendo queste “preferenze” la cittadina è stata costruita in Australia, un lavoraccio per gli addetti ai lavori che sicuramente avrà dato molte soddisfazioni!

pirati-caraibi-salazar-set

2) Jerry Bruckheimer ha tenuto un foto diario sul set

Il famoso produttore della saga Jerry Bruckheimer  ha una grandissima passione per la fotografia e durante la realizzazione di ogni film non solo è stato presente durante le riprese, ma ha anche tenuto un foto diario con gli scatti più emozionanti dei paesaggi e degli attori. Un ottimo modo per conservare tutti i ricordi di questa esperienza.

3) La realizzazione del giovane Sparrow è stata una vera sfida

Quando abbiamo visto la versione del giovane Johnny Depp ne La Vendetta di Salazar abbiamo pensato: bello, certo, ma basta poco col computer!

In realtà il lavoro di realizzazione della scena del flashback di Jack Sparrow è stata molto più complicata del previsto e i registi hanno dichiarato di aver lavorato ben oltre un anno per ringiovanire il caro Capitano Jack.

4) È stato fatto un regalo speciale a Geoffrey Rush a fine riprese

Il famoso attore Geoffrey Rush, interprete di Barbossa nel film, alla fine delle è stato omaggiato con un regalo bello ed originale.

Pablo, uno degli attori che ha lavorato con Rush per la realizzazione della piccola scimmia Jack, ha donato a Geoffrey un dipinto autografo. A lato del dipinto, Pablo ha anche “firmato” la tela con una piccola impronta di scimmia. Un regalo che Geoffrey Rush ha dichiarato di aver apprezzato moltissimo.

5) Riferimenti all’attrazione dei Pirati dei Caraibi di Disneyland

Pirati dei Caraibi è una saga che è nata prendendo ispirazione dall’attrazione a tema piratesco presente a Disneyland, ad Orlando, infatti in tutti i film della saga c’è sempre qualche riferimento al parco divertimenti e La Vendetta di Salazar non fa eccezione.

Nella scena del giovane Jack Sparrow, il nome della nave su cui veleggia la ciurma è The Wicked Wench, la stessa presente al parco di Disneyland.

6) È stato costruito un intero set sottomarino

Non solo le città in superficie ma, per il quinto capitolo della saga, è stato realizzato anche un set sottomarino!

In effetti, le scene “in fondo al mar” erano molte e di una certa importanza anche per la trama del film, tanto che si è reso necessario costruire un set subacqueo per rendere al meglio alcune riprese.

7) Keira Knightley non doveva recitare nel film

Ebbene sì, inizialmente Keira Knightley non era stata scritturata per La Vendetta di Salazar.

Nonostante il film sia fortemente collegato alla storia d’amore tra Will Turner ed Elizabeth Swan, la Knightley non era prevista nel copione iniziale nella pellicola, a differenza del collega Orlando Bloom.

Procedendo nella realizzazione del film, però i produttori e i registi si sono resi conto che la presenza di Keira Knightley sarebbe stata fondamentale e, per fortuna, lei non ha rifiutato di tornare nei panni di Elizabeth.

will-elizabeth-pirati

8) Javier Bardem doveva sottoporsi a tre ore di trucco

Entrare nel personaggio di Salazar non è stato semplice per l’attore Javier Bardem che ogni giorno, prima delle riprese, doveva sottoporsi a tre lunghissime ore di trucco preparatorio.

L’attore aveva molte protesi sul viso e sul corpo per poter dare l’impressione di un vero pirata zombie e i capelli tirati all’indietro per realizzarne le lunghezze in CGI.

Conoscevate già qualcuna di queste curiosità? Fatecelo sapere con un vostro commento!

Fonte: OhMyDisney

0 Commenti
Feedback in ordine
Vedi tutti i commenti
...e questo?
MORTAL KOMBAT film Poster
Mortal Kombat: una featurette mostra combattimenti epici