Game of Thrones 7: Riassunto del settimo episodio “The Dragon and the Wolf”

game of thrones

Con The Dragon and the Wolf, la settima stagione di Game of Thrones si chiude alla grande!

Attenzione, l’articolo che segue contiene spoiler!

Alla fine ci siamo arrivati. In questo settimo episodio della settima stagione, il fanservice ha vinto e, oltretutto, in questo The Dragon and the Wolf, tanti nodi di Game of Thrones arrivano al pettine. Ma non tutti…

Andando con ordine, l’allegra combriccola Targaryen si presenta al cospetto della sempre più austera Cersei, così, tanto per fargli vedere il simpatico regalino che i Westeros Avengers hanno portato per lei dal profondo Nord. Un bell’Estraneo, “morto” e contento. Nonostante l’effetto sorpresa, decisamente valido, la cara Cersei ha ancora un sacco di brutte pretese, prima di concedere la tanto agognata (e auspicabile) tregua con la bella Daenerys.

game of thrones

Certo, il drittone di Jon Snow ci mette del suo, ma alla fine della favola, grazie all’intercessione di Tyrion, la tregua tra le due bionde più popolari dei Sette Regni è cosa fatta. Nel frattempo, il mitico Euron, di cui non avevamo notizie da un po’, riesce a fare la sua uscita di scena temporanea a in stile tamarro. As usual.

Scena meravigliosa questa. Tutti i presenti, più o meno, avevano ben più di un motivo per scannarsi. Anche tra consanguinei, anzi, soprattutto tra consanguinei. Le dinamiche familiari dei Lannister sono davvero fenomenali. Di tre rampolli, due sono diabolicamente intelligenti e manipolatori, la principessina e il folletto, mentre invece il Prince Charming fa proprio la figura dello scemo. Con un sacco di buon senso, certo, ma restando proprio un adorabile tontolone. Tanto che rischia pure di farsi fare la pelle dalla sorellina/amante (che se sia davvero incinta, qualche dubbio c’è). Comunque, la vera protagonista del meeting è la bella Dany che, come ogni vera signora d’alta classe, arriva in ritardo. In sella a un drago, of course.

game of thrones

In questo finale di stagione credo si delineino molto gli avvenimenti a cui assisteremo più avanti. Non tanto per la tregua che si è venuta a creare (molto fragile), ma soprattutto per i vari rapporti tra i personaggi principali o, perlomeno, tra la maggior parte di essi.

L’Estraneo catturat ha sortito decisamente un grande effetto su tutti quanti, facendo intendere chiaramente l’entità del pericolo che stanno correndo. Questa consapevolezza ha sciolto molto gli animi e oliato molte relazioni e, NONOSTANTE TUTTO, la tanto sospirata liaison tra Dany e Jon trova conferma! Sissignori, il bel tenebroso Re del Nord finisce finalmente per conoscere carnalmente l’affascinante Regina dei Draghi! Così tutti possono passare un anno felice, in attesa degli sviluppi inattesi che tutto questo comporta (anche dinasticamente parlando).

Si, perché abbiamo anche, grazie al buon Sam Tarly, la conferma definitiva che Jon è per davvero il figlio di Raeghar Targaryen, fratello maggiore di Viserys e Daenerys, e della sorella di Ned Stark. Quindi, oltre al fatto di essersi concesso alla pur appetitosa zia, questo rende il non più bastardo di casa Stark un Targaryen a tutti gli effetti; e non uno qualsiasi, ma bensì il legittimo erede al Trono di Spade!

game of thrones

Tutte queste rivelazioni mettono un pochino in ombra le simpatiche vicende delle dolci sorelle Stark a Grande Inverno. Abbiamo lasciato Arya e Sansa in preda al dubbio e alla sfiducia reciproca. Tutto per merito del losco lord Baelish che, se possibile, in questo episodio risulta essere più viscido del viscido. Fortuna che le ragazze del Nord, cresciute tra metalupi e birra scura, non sono proprio così facili da buggerare; o meglio, Arya, che ormai è dichiaratamente una sorta di serial killer.

Sansa fa la finta tonta, ma riesce comunque a tenere botta a tutti i casini che le stanno ordendo contro e, colpo di scena, durante il processo alla sua pericolosa sorella, fa ricadere le accuse sul viscidoso Ditocorto. Per farla breve, lui mette in atto una delle scene più patetiche che potesse architettare. Invano. Mentre se la discutono, la piccola Arya gli fa capire il vero significato del termine Valar Morghulis, e via a depennare un altro nome della sua lista, bye bye Ditocorto!

Grandissime le Stark’ Sisters, soprattutto nel dialogo finale, che mette bene in evidenza cosa le due tenere fanciulle delle prime stagioni siano diventate. Una Lady vera e propria e una spietata assassina, ma assennata e intelligente.

La puntata, e questa settima stagione, finisce con l’arrivo alla Barriera dell’esercito del Re della Notte… In groppa del redivivo Viseryon, con un bel paio di occhi azzurri e con tanta voglia di combinare disastri.

Credo che l’anno prossimo, ne vedremo davvero delle belle!

Leggiamo altro?
The Man in the High Castle
The Man in the High Castle 4: ecco il trailer della stagione finale!