Nintendo Switch

Nintendo Switch è stata già hackerata sfruttando una falla del browser

L’ultima nata di casa Nintendo è già stata violata a pochi giorni dal lancio sul mercato, servendosi di uno stratagemma usato per il jailbreak degli iPhone

La maggior parte delle persone ha atteso il lancio di Nintendo Switch per buttarsi a capofitto in interminabili ore passate a giocare con i nuovi titoli, godendo delle nuove caratteristiche implementate dalla produttore giapponese. C’è poi, quasi silenziosa, una piccola comunità di utenti il cui unico scopo, dopo aver messo le mani sulla nuova console, è quello di hackerarla prima di tutti gli altri, perché, tutto sommato, “fucking the system is the way for freedom”!

A pochi giorni dal lancio sul mercato, è giunta notizia che il noto hacker qwertyqoruiop sarebbe riuscito “bucare” la console,  sfruttando una piccola vulnerabilità del browser usato per accedere a Facebook e Twitter.

Il sistema usato è qualcosa di già noto, infatti si tratta di una procedura utilizzata in passato per jailbreakare i device Apple con sistema operativo iOS 9.3.

Va detto, per la precisione, che non ci troviamo in presenza di un hack che non comporta nessun allarme per la sicurezza dei dati, ma che nemmeno fornisce grandi vantaggi ai comuni consumatori. In pratica, per ora, scordatevi di poter usare giochi piratati su Nintendo Switch.

Tuttavia, il lavoro svolto da qwertyqoruiop rappresenta un primo importantissimo passo per tutta la community degli hacker che, in questo modo, ha più facilità nel cercare di “attaccare” il cuore (kernel) della console.

Siamo certi che Nintendo non se ne starà con le mani in mano e le contromosse non tarderanno ad arrivare, anche se è davvero imbarazzante, per una compagnia come Nintendo, non aver tenuto in considerazione questa procedura di hacking già nota.

Voi cosa ne pensate? Fatecelo sapere con un commento qui sotto.

Fonte: Venturebeat

Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed
Leggiamo altro?
Chernobyl: il sito nucleare diventerà ufficialmente una meta turistica