SEGA ammette di aver puntato più sulla quantità, che sulla qualità…

SEGA

Il presidente di SEGA Europe, Jurgen Post, ammette che l’azienda in questi anni ha puntato tutto sulla quantità, a discapito della qualità

Intervistato dai microfoni MCVUK, Jurgen Post, presidente di SEGA Europe, ha rivelato i piani dell’azienda nipponica per il prossimo futuro; dicendosi entusiasta del cambio di rotta intrapreso.

Un cambio di rotta per SEGA, deciso in seguito alla presa di coscienza dell’azienda sulla realtà in cui hanno proliferato i suoi titoli in questi anni, e sull’abbassamento degli standard qualitativi nella produzione dei videogiochi in favore della quantità.

Ecco le sue parole:

“Siamo stati un po’ opportunisti, e abbiamo realizzato una gran quantità di titoli che spesso non sono stati di grande qualità. Per un periodo di tempo, durante il ciclo vitale di Wii, la nostra strategia ha funzionato. Ma quel tipo di mercato è finito ora, in questo momento abbiamo bisogno di puntare sulla qualità per avere successo; motivo per il quale abbiamo ridiscusso i nostri piani sin dalle fondamenta, per poter ricreare giochi di grande qualità e che perdurino nel tempo”

Post ha poi rivelato l’interesse nel realizzare non solo nuovi videogiochi per le sue importanti IP (come Football Manager, Total War e Dawn of War), ma anche merchandising e film e molto altro.

Cosa ne pensate? Torneremo a vedere titoli tripla A nel futuro di SEGA? Fatecelo sapere con un commento qui sotto!

...e questo?
Silent Hill: Konami è ora al lavoro su due giochi?