Keanu Reeves: all’inizio della carriera, Hollywood voleva che cambiasse nome (in uno assurdo)

Constantine Keanu Reeves

Uno degli attori più amati di sempre, Keanu Reeves, avrebbe potuto essere conosciuto oggi dal grande pubblico in un altro modo, poiché ad Hollywood, all’inizio della sua carriera, qualcuno era intenzionato a fargli cambiare nome.

E badate bene, non stiamo parlando di un nome figo come Dick Van Dyke, Orlando Bloom o Jack Black, ma un nome decisamente assurdo, specialmente pensando al tenebroso (ma tenero) Keanu.

Keanu Reeves

Qualcuno voleva che Keanu Reeves cambiasse nome all’inizio della sua carriera

Parlando con Good Morning America in occasione del suo tour promozionale per Matrix Resurrections, l’attore ha rivelato il curioso aneddoto riguardante i suoi primi passi ad Hollywood.

Stiamo parlando degli anni ’80, un periodo in cui i nomi d’arte non erano certo insoliti e, proprio come accaduto a tante altre celebrità, la prima cosa che chiesero a Keanu fu quella di cambiare nome.

“Avevo 20 anni ed ero nella mia prima auto” ha raccontato Keanu. “Volevo apparire nei film e quindi vado ad Hollywood e, una volta arrivato lì, la prima cosa che mi dicono è ‘Vorremmo che tu cambiassi nome'”.

La mia reazione è stata immediata e ho chiesto ‘Perché’? e loro mi hanno risposto: ‘Beh, Keanu forse è un po’ troppo esotico’. Così ho pensato ‘Ok, proviamo’. Ma se ne sono usciti con un nome più ridicolo dell’altro, tipo Chuck Spadina. E alla fine non ce l’ho fatta, mi sono tenuto il mio“.

Esatto. Chuck Spadina. Non voglio nemmeno pensare al fatto che abbiamo rischiato di vedere “Chuck Spadina nei panni di Neo in Matrix“.

Come raccontato dallo stesso attore in più occasioni, il suo nome ha in realtà origini hawaiane e ha un significato più profondo di Chuck; significa infatti “fresca brezza che sorvola le montagne”.

Il Negozio delle Necessita Mobile Ads 2