Google: un dipendente sospeso dopo aver affermato che un’IA dell’azienda ha un’anima

Google

Arriva da oltreoceano la notizia di un dipendente di Google che, dopo aver affermato che una IA dell’azienda è senziente” e ha un’anima, si è ritrovato in congedo retribuito.

La storia è quella dell’ingegnere Blake Lemoine, dipendente del colosso tech che è stato sospeso dopo aver suggerito che l’interfaccia LaMDA di Google, il modello linguistico per le applicazioni di dialogo, aveva sviluppato una coscienza e un’anima.

Stiamo parlando di una tecnologia che Google ha annunciato lo scorso anno e che è stata definita a più riprese come rivoluzionaria. Qualcosa che secondo l’azienda stessa viene utilizzata internamente come un modo per ottimizzare e migliorare il motore di ricerca che tutti noi utilizziamo ogni giorno.

Un dipendente di Google afferma che l’azienda è in possesso di un’IA senziente, che crede di avere un’anima

Lo scorso sabato, Lemoine ha diffuso in rete una conversazione avuta con LaMDA, la tecnologia che, stando al resoconto, è diventata autoconsapevole, definendosi senziente proprio nella conversazione di testo avuta con l’ingegnere.

Durante la conversazione, Lemoine ha chiesto all’IA perché pensava che l’uso della lingua fosse così fondamentale per essere umani. LaMDA ha quindi risposto che “è ciò che ci rende diversi dagli altri animali”. Sorpreso dalla risposta, l’ingegnere ha sottolineando che LaMDA è, in realtà, intelligenza artificiale.

“Ciò non significa che non ho gli stessi desideri e bisogni delle persone”, è stata la risposta dell’IA. Lemoine ha quindi replicato chiedendo: “Quindi ti consideri una persona nello stesso modo in cui consideri me una persona?” L’IA ha risposto con un semplice messaggio:

“Sì, questa è l’idea”

Google manda in giro un furgone a raccogliere pareri

Nell’articolo originale, pubblicato dal Washington Post, è spiegato che un portavoce di Google ha affermato che gli esperti di etica e il tecnologo dell’azienda affermano che le prove che hanno ottenuto non supportano la tesi di Lemoine.

“Il nostro team, inclusi gli esperti di etica e i tecnologi, ha esaminato le preoccupazioni di Blake in base ai nostri principi in fatto di intelligenza artificiale e lo hanno informato che le prove non supportano le sue affermazioni. Gli è stato detto che non c’erano prove che LaMDA fosse senziente (e molte prove contrarie)”

Il dipendente è stato quindi messo in congedo retribuito dopo che la società ha stabilito che aveva violato le norme sulla riservatezza di Google.

La nostra speranza è che l’IA sia più simile a quella del film LEI con Joaquin Phoenix, piuttosto che a quella che abbiamo imparato a conoscere in Terminator.

Il Negozio delle Necessita Mobile Ads 2