Hubble: il telescopio spaziale è giunto alla fine dei suoi giorni?

telescopio spaziale hubble

Da ormai una manciata di settimane il telescopio Hubble sta riscontrando dei problemi di funzionamento e ora alcuni esperti iniziano a pensare che, molto probabilmente, sia giunta la fine del nostro occhio nel cielo.

Cosa sta succedendo al telescopio orbitante dedicato al celebre astronomo e astrofisico statunitense del secolo scorso?

I nuovi problemi del telescopio Hubble

A partire dallo scorso 13 Giugno, Hubble ha iniziato a riscontrare dei problemi al computer principale. I sistemi di bordo sono entrati in safe mode, con la NASA che ha tentato molte soluzioni per il riavvio del telescopio.

Purtroppo, per ora, nessuno dei tentativi degli ingegneri di Houston ha avuto successo.

La causa del problema è ancora incerta: nonostante i primi errori rivelassero dei difetti nei moduli di memoria, il tentativo di riavvio di Hubble con l’utilizzo di moduli di backup non è andato a buon fine. Questo ha suggerito che i problemi all’hardware di Hubble non siano i moduli di memoria, ma essi siano solo un “sintomo” di errori che si sono verificate il altre parti del sistema.

In questo momento il team della NASA è allo studio di diverse soluzioni per tentare il riavvio del telescopio, anche sfruttando i numerosi sistemi ridondanti che troviamo a bordo di qualunque macchinario così complesso.

C’è ancora speranza di salvare Hubble?

Nonostante la NASA non si dia per vinta, e anzi abbia dichiarato che esistono ancora molte possibilità d’azione, alcuni esperti non sono altrettanto ottimisti.

Clayton Anderson, ex pilota dello Shuttle, ha dichiarato che secondo la sua opinione l’Hubble possa essere “oltre ogni possibilità di riparazione”; Don Lincoln, direttore del FermiLab, celebre istituto di ricerca in fisica, ha ipotizzato come questa “potrebbe essere la fine della storia di Hubble”.

Il telescopio Hubble, lo scorso 31 Aprile, ha tagliato il traguardo dei 31 anni di attività nello spazio e, nonostante nel tempo abbia richiesto un po’ di manutenzione (alcune volte anche straordinaria), ci ha regalato alcune delle immagini dello spazio profondo più spettacolari.

Non possiamo che sperare che le cose si sistemino, e che Hubble ci riservi ancora qualche anno di splendide, meravigliose e ovviamente utilissime, istantanee del cosmo.