Call of Duty: Activision conferma l’arrivo del nuovo capitolo nel 2021

call of duty

Come accaduto negli ultimi 15 anni, anche il 2021 vedrà l’arrivo di un nuovo Call of Duty. La conferma arriva da Activision stessa durante l’incontro con gli investitori tenutosi nella giornata di ieri.

Activision, nel corso di una riunione con gli investitori, ha confermato l’arrivo di un nuovo Call of Duty entro la fine del 2021

Forte del rinnovato interesse verso la saga, frutto del successo di Modern Warfere, Black Ops Cold War e soprattutto Warzone, la modalità battle royale della saga che conta oltre 100 milioni di giocatori attivi, la società californiana di Santa Monica ha confermato di voler continuare a puntare con decisione sul franchise e che è pronta a rilasciare un nuovo gioco entro la fine dell’ultimo trimestre di quest’anno.

Dennis Durkin, responsabile dell’area amministrativa e finanziaria di Activision, nella call durante la quale ha illustrato l’ultimo report finanziario gli obiettivi primari dell’azienda:

Trarremo tutto il vantaggio possibile da quello che abbiamo sperimentato e appreso in un anno di Warzone che porterà nuovi aggiornamenti ai nostri contenuti premium. abbiamo la possibilità di continuare a far avvicinare la community del gioco a Black Ops Cold War così come un’altra importante iterazione premium del gioco pianificata per il quarto trimestre nel 2021.

Ovviamente non sono stati forniti dettagli circa il nuovo Call of Duty e, allo stato attuale, comunque non ci sono novità riguardanti nuove mappe multiplayer, nuove armi o qualsiasi altra cosa diversa dall’integrazione con Warzone e del Battle Pass della prima stagione di Black Ops Cold War non riferito a contenuti per Modern Warfare.

Alcuni insider indicano Sledgehammer Games come studio che dovrebbe occuparsi di CoD 2021. Ricordiamo che lo studio fondato da Glen Schofield, Michael Condrey ha sviluppato Advanced Warfare nel 2014 e WWII nel 2017, e avrebbe dovuto occuparsi anche di Call of Duty 2020, salvo affidare questo capitolo a Treyarch a seguito di una riorganizzazione della stessa Activision e alla diaspora di dipendenti e sviluppatri che, nel 2018, ha colpito Sledgehammer.

Fonte: Eurogamer

...e questo?
The Elder Scrolls VI
The Elder Scrolls 6: online il “leak” di una sequenza di gameplay?