Il radiotelescopio di Arecibo è crollato collassando su sé stesso

Arecibo radiotelescopio

Non più di qualche giorno fa vi avevamo dato la notizia del prossimo smantellamento dell’iconico osservatorio. Purtroppo, a quanto pare, la struttura del radiotelescopio di Arecibo non è stata paziente a sufficienza: è di poche ore fa la notizia che un cavo è collassato facendo precipitare la piattaforma ricevente sulla parabola sotto di essa. Fortunatamente, non ci sono stati feriti o danni a persone, di nessuna entità.

Il radiotelescopio di Arecibo martedì 1 dicembre è collassato: la struttura ricevente è crollata distruggendo la parabola

Qui di seguito è possibile vedere il video che documentano la caduta della piattaforma. A quanto pare i cavi di sospensione, già messi a dura prova negli scorsi mesi e causa della decisione di chiudere la struttura abbandonando ogni velleità manutentiva, hanno deciso di dire “basta!”.

Così, domenica 1 dicembre, le 900 tonnellate della piattaforma ricevente, prima sospese grazie a tre cavi ancorati ad altrettante torri, si sono schiantate sulla parabola riflettente sottostante. La caduta di 150 metri non è durata che pochi istanti. Il sismografo presente nei livelli più bassi dell’osservatorio ha registrato un’energia superiore a quella di un terremoto verificatosi pochi istanti prima in Repubblica Dominicana, sisma avvertito anche nei pressi di Arecibo e forse causa del cedimento finale della struttura.

Come abbiamo detto, nessuno si trovava nei pressi dell’antenna quando è successo, alle 7:51 di martedì mattina, ora locale; non ci sono quindi feriti in seguito al crollo.

Evidentemente, il radiotelescopio, che nel corso di 60 anni è entrato nell’immaginario collettivo come rappresentante della sua categoria, non voleva essere smantellato pian piano. Ha sicuramente deciso di andarsene con un bel botto!

Fonte: NSF

0 Commenti
Feedback in ordine
Vedi tutti i commenti
...e questo?
navetta orion NASA missione artemis
La NASA ha iniziato la costruzione di Orion, la navetta spaziale che riporterà l’uomo sulla Luna