Ubisoft Montreal: maxi operazione di polizia per liberare degli ostaggi, ma la telefonata era falsa

Ubisoft Montreal

Si sono moltiplicate nelle scorse ore sui social le testimonianze di una maxi operazione della polizia di Montreal che, insieme alle forze anti terroristiche, è intervenuta delimitando la sede di Ubisoft, a seguito di una telefonata al 911 in cui si dichiarava la presenza di ostaggi. Fortunatamente, ma non senza lo spavento dei dipendenti della software house, da poco reduce dal lancio di Assassin’s Creed: Valhalla, la telefonata si è rivelata essere falsa.

Scatta una maxi operazione di polizia nella sede di Ubisoft Montreal per la presenza di ostaggi, ma la telefonata è falsa

“Seguirà un’indagine per far luce sulla chiamata al 911 dietro questo ampio dispiegamento di personale di polizia”, ha spiegato la polizia di Montreal in un comunicato stampa rilasciato dopo l’operazione durata ben 6 ore nel quartiere centrale di Mile End.

Per la maggior parte della giornata, la polizia non ha confermato la natura della chiamata ai servizi di emergenza, rivelando semplicemente che “ufficiali specializzati SPVM si sono recati sul posto per ispezionare i locali”.

L’operazione ha comportato un uso massiccio delle risorse della polizia, incluso l’utilizzo del “codice arancione” messo in atto in un ospedale del centro – un avvertimento molto raro utilizzato nei casi in cui ci possono essere vittime di massa.

Un dipendente di Ubisoft ha comunicato a CTV News che, in una nota aziendale, ai dipendenti degli uffici è stato chiesto di nascondersi in un’area chiusa a chiave, al buio e di rimanere in silenzio. Alcuni dipendenti si sono anche recati sul tetto, mentre un elicottero della polizia sorvolava l’edificio controllando la zona.

guest
0 Commenti
Feedback in ordine
Vedi tutti i commenti
...e questo?
World of Warcraft Shadowlands
World of Warcraft: Shadowlands – Recensione