Kingdom’s Candy Monsters: i mostri vogliono le nostre caramelle – Recensione

Kingdom Candy Monsters 1
Kingdoms candy monster
Data di uscita
ottobre 2020
Autori
Zemilio e Joe Slack
Edito in Italia da...
Little Rocket Games
Acquistalo su...

Halloween è passato da qualche giorno ma scommetto che, visto che siete qui a leggere questa recensione, non siete ancora sazi e siete già pronti a compiere nuove razzie di caramelle, cioccolatini e dolciumi vari, per placare la vostra fame di zuccheri sfruttando le abilità furtive dei mostri di Kingdom’s Candy Monsters. In questa recensione vi spiegheremo proprio come diventare i più cattivi dell’edulcorato Regno di Kingdom’s Candy Monsters e come divertirvi accumulando più caramelle e zuccherini rispetto alla concorrenza.

È tempo di prendere le nostre prime 5 zollette di zucchero e iniziare a giocare!

La recensione completa di Kingdom’s Candy Monsters: il gioco da tavolo dolce come lo zucchero e cattivo come un Khulgrok

Il titolo oggetto della nostra recensione di oggi è Kingdom’s Candy Monsters, gioco da tavolo che è stato oggetto lo scorso anno di una fortunata campagna Kickstarter, ideato da Zemilio (Rune) e Joe Slack ed edito in Italia da Little Rocket Games. 

È un gioco per 2-5 giocatori, dai 10 anni in su, con meccaniche di set collection ed una durata variabile fra i 30 e i 60 minuti, a seconda del numero di partecipanti.

Ciascun giocatore interpreta un cattivo avido di dolciumi. Lo scopo è quello di acquistare, equipaggiare e sguinzagliare diversi mostri affinché collezionino per noi il maggior numero possibile di caramelle e dolciumi vari, sfamandoli di tanto in tanto con una bella dose di zollette di zucchero.

Si aprano le porte del regno delle caramelle

Prima di continuare la nostra recensione spiegandovi come si gioca a Kingdom’s Candy Monsters, guardiamo all’interno della scatola e scopriamo cosa contiene, ossia:

  • 90 zollette di zucchero bianco (80 di valore 1 e 10 di valore 5);
  • 25 zollette di zucchero nero;
  • 35 caramelle (20 da 1 PV e 15 da 5 PV);
  • 3 segnalini Uso Singolo;
  • 31 Carte Mostro (di cui 6 Mostri iniziali);
  • 33 Carte Abilità;
  • 15 Carte Evento (di cui 4 Caramelle Nere);
  • 5 Carte Consultazione e 5 Miniere di Zucchero;
  • la Carta Primo Giocatore;
  • il Regolamento.

Il materiale è davvero bello già a prima vista. Anche le carte, pur non essendo in linen, paiono di discreta qualità ma, come al solito, il consiglio è quello di proteggerle con le apposite bustine protettive. La dimensione è la Extralarge 65 x 100 mm (la stessa di 7 Wonders per intenderci).

Kingdom Candy Monsters 3

Il setup è abbastanza semplice e si svolge così:

  • Primo Giocatore è eletto colui che per ultimo ha mangiato una caramella, poi ciascun partecipante prende 1 Mostro Iniziale, 5 zollette bianche, 1 Carta Consultazione e 1 Miniera di Zucchero.
  • Si mescolano i mazzi Mostri e Abilità e si rivelano 3 o 4 carte (a seconda se si gioca la partita base o quella avanzata).
  • Si tolgono dal mazzo eventi le Caramelle nere e si mescola il resto del mazzo, si pescano 8 carte evento e, senza scoprirle, si compongono dei “mini-mazzi” composti da 2 carte fra quelle pescate e 1 Caramella Nera.  Ora rimescoliamo separatamente i 4 mazzetti e li impiliamo in maniera casuale.
  • Si mettono tutti i token e cubetti a lato del Regno.

Siamo finalmente pronti a giocare a Kingdom’s Candy Monsters!

Una volta acquistato Kingdom’s Candy Monsters (lo trovate A QUESTO INDIRIZZO), capirete subito che il gameplay è davvero molto semplice.

Ogni giocatore, a turno, svolge una sola delle seguenti azioni: Rubare 5 zollette di zucchero dal Regno, Comprare un Mostro o Comprare un’Abilità.

Una volta che tutti hanno scelto la propria azione il round termina, si gira una carta evento e la si risolve. A questo punto il primo giocatore passa in senso orario e si continua così fino a che non è stato rivelato il quarto evento Caramella Nera. Qui il gioco terminerà e si conteranno i punti.

Ma facciamo un passo indietro, per  per capire come giocare al meglio guadagnare i PV necessari per vincere.

Innanzitutto: la moneta del gioco, usata per acquistare carte e sfamare i Mostri sotto il nostro controllo, sono le zollette di zucchero bianco, mentre quelle nere, come vedremo tra poco rappresenteranno dei malus a fine partita.

Inoltre, un’altra cosa da capire in via preliminare, è che tutte le carte mostrano nella parte alta il costo di acquisizione in zollette, il tipo (o i tipi) di dolciumi rappresentati dalla carta (jelly bean verde, azzurro o rosso), i PV regalati a fine partita e, nel caso dei Mostri, il numero di zollette necessarie per sfamarli.

Azioni ed Eventi nel Regno dei Mostri

Passiamo ora a un breve excursus sulle azioni possibili. Se “rubare zollette” e “comprare un Mostro” sono azioni di per sé auto esplicative, un po’ meno intuitivo potrebbe essere l’utilizzo che possiamo fare delle Abilità. Infatti una volta acquistate potremo decidere se:

  • Equipaggiare l’abilità sotto uno dei nostri mostri per renderlo più potente. In questo caso a fine partita non conteggeremo i punti nella parte alta della carta ma potremo sfruttare l’abilità descritta in basso tutte le volte che ne avremo l’occasione. Per esempio potremo creare delle combo, guadagnare caramelle, zollette o fare molto altro. Per capire quando potremo usare l’abilità (a inizio turno, durante la fase azioni, la fase evento o una volta a partita) basterà guardare il simbolo riportato accanto alla descrizione dell’abilità stessa.
  • Collezionare influenza: in questo caso metteremo la nostra carta Abilità sotto la nostra carta Consultazione lasciando visibile solo la parte alta della stessa. Facendo ciò guadagneremo, sia i PV indicati (a fine partita) sia sconti sull’acquisto dei mostri corrispondenti al colore delle jelly bean riportate sulla carta. Perderemo però l’opportunità di usare l’abilità riportata sulla parte bassa della carta.

Durante la Fase Evento  riveliamo la carta in cima al rispettivo mazzo che potrà essere un Evento o una Caramella Nera. Nel primo caso leggiamo ad alta voce il testo e lo risolviamo. Nel secondo ciascun Cattivo dovrà sfamare i propri mostri pagando il numero di zollette indicato sulle rispettive carte.

Kingdom Candy Monsters 2

Tutti i mostri non sfamati muoiono e vengono scartati. Inoltre guadagneremo una zolletta nera (che ci toglierà 1 PV a fine partita) per ogni zolletta bianca che non abbiamo potuto spendere.

Una volta sfamati per la quarta volta i mostri passeremo al conteggio punti che saranno calcolati sommando i PV indicati sulle carte, eventuali bonus di fine partita attivati, i segnalini caramella conquistati, 1 PV ogni 4 zollette bianche, 1 PV per ogni abilità equipaggiata e sottraendo 1 PV per ciascuna zolletta nera.

Chi ha accumulato più punti vince!

Concludiamo la nostra recensione di Kingdom’s Candy Monsters: ecco cosa ne pensiamo

È  giunto per noi il tempo di concludere e darvi le nostre opinioni finali sul nuovo gioco da tavolo di Little Rocket Games.

A livello materico e di componentistica qualcosa ve lo avevamo accennato sopra. I cubetti in legno e i token in cartone sono resistenti e maneggevoli ed anche le carte sono belle e colorate. Seppur si mescolino solo a inizio partita se volete potete proteggerle con le bustine extralarge che trovate A QUESTO INDIRIZZO.

Quello di cui non vi avevamo parlato riguarda i bellissimi artwork, curati da Bong Ji, e le simpatiche citazioni nerd sparse qua e là nel gioco. A partire ovviamente dal titolo, che richiama il blasonatissimo Kingdom Death: Monster, fino ad arrivare alle illustrazioni (per esempio, c’è un richiamo all’immancabile Cthulhu) e agli Eventi (un esempio? C per Caramella vi dice nulla?).

A livello meccanico il titolo ideato da Zemilio e Joe Slack è un classico set collection implementato piuttosto bene con diverse carte abilità. Peccato solo che alcune di queste paiano a prima vista un po’ troppo forti rispetto ad altre. Con un tavolo composto da 5 giocatori molto esperti, potrebbe essere uno svantaggio per colui che è seduto semplicemente “nel posto sbagliato”.

Fortunatamente però, nonostante alcune carte siano più potenti rispetto alle altre, nessuna di esse funge davvero da “spacca-partita”. Inoltre questo è uno svantaggio dettato per lo più dall’alea della pesca, cosa comunque piuttosto normale in un gioco di carte.

Kingdom Candy Monsters 4

Il fatto che l’alea ci metta il suo zampino non significa però che la vittoria arrivi per caso, anzi. È molto importante scegliere attentamente quali carte comprare e quando farlo (sempre che gli avversari non ci mettano i bastoni fra le ruote). Solo scelte accorte, implementate da un pizzico di strategia, ci permetteranno infatti di portare a casa la vittoria finale.

Infine, per concludere questa recensione di Kingdom’s Candy Monsters, non possiamo non citare l’impatto del downtime, che non si sente minimamente nemmeno quando al tavolo si è in 5.

Se si esclude la primissima partita di ciascun giocatore (dove per forza di cose il neofita di KCM sarà costretto a leggersi tutte le carte in tavola) i turni scorrono in generale fluidi e molto veloci. Il fatto che si possa fare una sola azione per turno e che gli eventi siano davvero semplici da risolvere rende il gioco molto scorrevole.

Quindi in estrema sintesi possiamo dire che Kingdom’s Candy Monsters è un interessante gioco di set collection, adatto a giocatori che vogliano andare oltre i semplici introduttivi. L’ambientazione edulcorata e le numerose citazioni alla cultura pop lo rendono a suo modo singolare e intrigante.

Potete acquistare la vostra copia del gioco di Little Rocket Games A QUESTO INDIRIZZO.

Kingdom Candy Monsters 1
Kingdom's Candy Monsters: essere i più cattivi non è semplice come rubare le caramelle a un bambino
Con Kingdom's Candy Monsters, Little Rocket Games ci regala un gioco da tavolo con interessanti meccaniche di set collection. I suoi punti di forza sono legati all'ambientazione: edulcorata ma al contempo cattiva al punto giusto per attirare i neofiti su un titolo di difficoltà media e far "salire di livello" tutti coloro che vogliono iniziare a cimentarsi con giochi via via più complessi.
Pro
Gameplay tutto sommato semplice
Pieno zeppo di citazioni nerd
Interessante gioco di set collection
Contro
Alcune abilità sono "troppo forti" rispetto alle altre
Nelle prime partite saremo costretti a leggerci tutte le carte in tavola
6.9
Voto Finale
Acquista su...
guest
0 Commenti
Feedback in ordine
Vedi tutti i commenti
...e questo?
Massive Darkness
Massive Darkness: il dungeon crawler di Asmodee è in super offerta per il Black Friday