Come noi, anche Charlize Theron è dispiaciuta di non poter tornare nei panni di Furiosa

Siamo tutti certamente emozionati dall’aver scoperto che, dopo numerosi grattacapi legali, George Miller potrà finalmente realizzare un nuovo film della saga di Mad Max; anche se, dobbiamo ammetterlo, scoprire che sarà un prequel su Furiosa e che Charlize Theron non ci sarà, è stato un duro colpo da digerire.

La stessa attrice si è detta dispiaciuta di non poter tornare a vestire i panni (e le protesi) del personaggio che ha contribuito a creare in Mad Max: Fury Road.

Anche se lei non ci sarà, Charlize Theron è certa che George Miller ha fatto la scelta scelta giusta per il film prequel di Mad Max Fury Road con Furiosa

“È difficile da mandare giù”, ha detto la Theron durante un’intervista con l’Hollywood Reporter. “Ascoltate, ho massimo rispetto nei confronti di George, se non di più dopo aver fatto Fury Road con lui. È un maestro e non gli auguro nient’altro che il meglio.”

Il piano di Miller, come rivelato un paio di mesi fa, è quello di realizzare un film basandosi sulla sceneggiatura fornita durante le riprese di Fury Road a Charlize Theron, in modo che lei e gli altri attori avessero all’epoca una visione d’insieme della storia pregressa della protagonista. In un primo momento si era pensato di ringiovanire l’attrice attraverso l’utilizzo della CGI; idea poi scartata poiché la tecnologia per farlo è ritenuta ancora acerba dallo stesso regista.

“Sì, è un po snervante, certamente”, ha proseguito la Theron. “Adoro davvero quel personaggio e sono così grata di aver avuto anche solo una piccola parte nel crearlo. Sarà per sempre qualcuno a cui penserò e su cui rifletterò con affetto. Ovviamente, mi piacerebbe che quella storia continuasse, e se Miller sente che questa sia la strada giusta, allora mi fido di lui.”

Fortunatamente, i fan di Charlize potranno rivedere l’attrice su Netflix il prossimo 10 luglio, nel film The Old Guard.

Cosa ne pensate? Fatecelo sapere tramite un commento qui sotto!

...e questo?
Star Trek: il film di Noah Hawley è stato bloccato perché parlava di virus