Trovò una DeLorean abbandonata in un fienile: ecco il video dell’auto restaurata

Nick Pelant, un giovane del Wisconsin, negli Stati Uniti, nel 2018 trovò una DeLorean DMC-12, la mitica auto resa celebre dal film Ritorno al Futuro, all’interno di un fienile abbandonato.

Nel 2018 il giovane Nick Pelant recuperò una DeLorean da un fienile abbandonato e, ora, a distanza di due anni, l’auto è stata restaurata

La botta di cu… ehm, volevo dire, di fortuna che colpì Nick, è una di quelle cose che qualsiasi fan della saga cinematografica diretto da Robert Zemeckis e interpretata da Michael J. Fox e Christopher Lloyd potrebbe sicuramente bramare nei propri sogni anche se, negli USA, questo tipo di situazioni (che pare si verifichino non di rado) ha anche un nome ben preciso: barn finds, ovvero “ritrovamenti nei fienili”.

Qualche giorno prima del ritrovamento il ragazzo e suo padre, che già possedevano altre due DeLorean, si erano imbattuti per l’appunto in un’altra mitica auto all’interno di un fienile di proprietà di un uomo che, a quanto pare, l’aveva ricevuto in eredità dal nonno.

Trovando la vettura coperta da decenni di polvere ma in buono stato, anche se furono costretti a forzare la serratura delle portiere in quanto la maniglia era rotta, padre e figlio decisero di restaurarla e tornarono al fienile dopo un paio di giorni con un carrello, filmando il prodigioso recupero di questa DeLorean che aveva percorso circa 60.000 km.

Come promesso nel video del recupero, a distanza di due anni, arriva un nuovo video (il primo di una serie di clip) in cui Nick mostra l’auto restaurata e racconta la storia del ritrovamento di questa particolare auto, prodotta solo in 9200 esemplari e che è stato il sogno di John DeLorean; una vettura così particolare che, grazie ai film di Robert Zemeckis, è entrata nell’immaginario collettivo di tutti, tanto da essere, al giorno d’oggi, una delle auto più desiderate dai collezionisti.

Fonte: The Sun

...e questo?
Bulma, Sakura, Nami e Jessie unite contro il Coronavirus grazie alla voce di Emanuela Pacotto