Evolution Pulse Rinascita – Recensione

Evolution Pulse Rinascita

Nato dalla collaborazione tra The World Anvil e Black Box Games, Evolution Pulse Rinascita è uno dei giochi di ruolo che aspettavo di più da questa Lucca Comics and Games. L’attesa non è stata per nulla vana e siamo pronti per darvi una panoramica di questo nuovo manuale!

Scopriamo Evolution Pulse Rinascita, GdR di The World Anvil e Black Box Games, con la recensione di questa nuova ambientazione grim fantasy

Il grande Imperatore ci mostrò l’essenza divina in tutto il suo potere, e ci fece dono dell’Igisum Duga, il soffio della nuova vita. Il mondo cambiò, e ogni terra conobbe il volto dei divini Hekath, imperi crollarono e uomini perirono mentre ogni continente conosciuto andò incontro ad una nuova e oscura rinascita.

Cominciamo dal principio, cioè da Evolution Pulse, ambientazione sci-fi creata da Black Box Games nel 2014 per il sistema di gioco FATE. Questo setting ci trasportava in un futuro lontanissimo caratterizzato dal ritrovamento della Black Box, un artefatto alieno tramite il quale misteriose entità chiamate Hekath hanno iniziato a solcare il mondo. Ma cosa sarebbe accaduto se questo evento fosse avvenuto prima, interrompendo il dominio dell’uomo dai tempi di Alessandro Magno? Evolution Pulse Rinascita è la risposta!

L’ambientazione di Evolution Pulse Rinascita

In un mondo antichissimo, che non rispecchia per nulla quello nel quale viviamo, i Divini Hekath Daru Sanru si muovono tra la popolazione ed agiscono sul Sintum, una misteriosa dimensione sovrapposta alla nostra, attraverso la quale manipolano la realtà. Sotto questo punto di vista, Evolution Pulse Rinascita è un grim fantasy ben impostato, ambientato però non nella classica cornice medievale, ma in un passato più antico, dove sacro e profano si intersecano perfettamente e dove i Daru Sanru sono l’apice del potere sull’uomo, costretto a piegarsi al volere dei Divini.

Con questo manuale potrete giocare personaggi appartenenti a dieci caste, suddivise a loro volta in due fazioni principali: Impero e Selvaggi. Se da una parte gli uomini si sono sottomessi al volere dei Divini Hekath, creando un immenso crogiolo di culture che contiene tutta la civiltà e lo scibile umano, al di fuori dei confini dell’Impero i Selvaggi lottano con ciò che rimane della terra, che ha reagito alla manipolazione del Sintum con delle mutazioni che hanno interessato piante ed animali, ormai diventati pericoli mortali per chiunque.

Molto interessante la differenziazione tra le caste: se i membri dell’Impero hanno qualcosa che accomuna tutti i servitori degli Hekat, l’Igisum Duga, un marchio che permette loro di compiere meraviglie, i Selvaggi sono tutti diversi tra loro, proprio come a voler rimarcare la profonda competizione che vige al di fuori dell’Impero. Un altro elemento del setting che mi ha colpito sono proprio i Divini: essi camminano in mezzo alla gente, sono tangibili e sono reali! La popolazione può discorrere con il Saggio, sentire il fiato sul collo del Segugio o ascoltare le confortanti parole della Madre. Questo genera un vero e proprio mondo dove il misticismo fa parte della cultura della popolazione ed è un Descrittore costante delle avventure che i personaggi affrontano.

L’utilizzo della parola Descrittore non è un caso: una breve descrizione accompagna ogni creatura, ogni luogo ed ogni casta presentata in Evolution Pulse Rinascita. Grazie ai Descrittori, già leggendo il manuale, è come se ci trovassimo già lì, tra Pontili Marciscenti in una “nebbia fredda e pungente” quando leggiamo di Likos, il lago delle Lacrime, o tra “spezie ed Oli”, al suono di “musica d’arpa”, quando siamo accanto ad un taubad.

Questa meccanica dei Descrittori è molto interessante, ma soprattutto viene portata, oltre che nei luoghi, anche nella creazione del Personaggio, che sarà composto da alcuni Descrittori che ne determinano le competenze. Nessuna abilità da dover definire: se il vostro personaggio è un alchimista, avrà un Descrittore ad esso preposto. La stessa Campagna utilizza Descrittori, che ci permettono di esprimere in breve le particolarità che il Maestro del Sintum (MS), ossia il Game Master, vorrà portare all’attenzione dei suoi Giocatori con Personaggio (GP). I Descrittori aiutano anche chi non conosce il mondo di Evolution Pulse Rinascita: i neofiti troveranno molto più semplice creare una propria scheda in breve tempo proprio grazie a questa particolarità del sistema di gioco.

Monad Echo: il sistema di gioco di Evolution Pulse Rinascita

Iniziamo a parlare del sistema di regole del gioco. Avendo letto con estremo piacere il MONAD System di The World Anvil, e la sua precisione nel riuscire a descrivere minuziosamente ogni possibile caso particolare (un sistema sì preciso, ma con alcune barriere all’ingresso per i giocatori novizi o con poca dimestichezza con molte regole), mi aspettavo qualcosa di simile anche per il Monad Echo, il sistema utilizzato per Evolution Pulse Rinascita.

Invece, sono rimasta sorpresa nel constatare che il Monad Echo è una versione diversa dal suo predecessore. Con questa aggiunta, i ragazzi di The World Anvil vogliono offrire un sistema di gioco immediato da comprendere e padroneggiare, andando così incontro anche alle esigenze di giocatori in cerca di un regolamento snello. Insomma, ci troviamo di fronte ad un MONAD rinnovato che nulla toglie al suo predecessore, ma che risponde ad esigenze di gioco diverse e che permette in breve tempo di lanciarsi nel mezzo dell’azione di gioco.

Il Monad Echo consta di due tipologie di tiro: il tiro di Posizione e il tiro di Difesa. Per il primo, così chiamato perché il GP prende una “posizione” nella narrazione dichiarando la sua azione, il giocatore deve riuscire in un tiro di dado (con i d6) contro l’Opposizione di ciò che lo sta contrastando. Il GP tirerà tanti dadi quanto è il suo valore di Attributo (che sarà anche il suo ammontare di successi iniziale), e potrà spendere altrettanti punti Soma (ecco che torna il MONAD!) per ottenere un punteggio più alto, a patto che possa introdurre nella narrazione un proprio Descrittore (come ad esempio “Sono sempre stato un grande cacciatore”, per eliminare un mostro). Attenzione: basta un solo 1, per trasformare tutto in un fallimento.

Il secondo tipo di tiro, quello di difesa, non è altro che un Tiro di Posizione, ma con il quale il GP deve difendersi da uno stimolo esterno. Come avrete potuto notare, è sempre e solo il giocatore a lanciare i dadi. Ebbene sì, anche il Monad Echo, come altri giochi dal taglio moderno, è più improntato alla narrazione e sono solo i Giocatori che tirano i dadi esonerando completamente l’MS da ciò.

Il Monad Echo riesce ad essere un sistema flessibile e snello che regolamenta praticamente qualsiasi situazione di gioco con soli questi due tiri. All’interno del manuale vi sono continui aiuti nei confronti dell’MS con consigli, suggerimenti, trucchi del mestiere e tutto ciò che un giovane narratore in erba possa desiderare.

Un’altra caratteristica interessante è il sistema delle Lesioni. Nel sistema di gioco non ci sono solo ferite fisiche, ma anche mentali e sociali. Anche da queste caratteristiche, si nota molto l’approccio più fluido e narrativo nei confronti del gioco, un’evoluzione che al tavolo è piaciuta molto. Solo per fare un esempio: le lesioni sono ferite che accompagnano i Personaggi finché non è narrativamente sensato che vengano guarite. Il vostro personaggio riuscirà a rimarginare quel taglio sulla fronte? E ritroverà il coraggio di fidarsi di qualcuno, dopo lo smacco sociale che ha subito?

Nel complesso, ci troviamo di fronte ad un ottimo prodotto che riesce a coniugare perfettamente ambientazione e regolamento. Evolution Pulse Rinascita potrebbe essere un’ottima porta di accesso al panorama dei giochi più improntati in senso narrativo, dato che si discosta dai tradizionali canoni ma senza allontanarsi troppo dal seminato.

Un manuale pratico anche nella forma: un A5 con copertina flessibile e con illustrazioni che ci riportano quasi ad uno stile old-school, senza disturbarci troppo nella lettura. Siamo rimasti davvero colpiti nel leggere Evolution Pulse Rinascita e non possiamo che drizzare le orecchie, in attesa della prossima sorpresa di Black Box Games e The World Anvil, che siamo certi saranno in grado di stupirci ancora!

Evolution Pulse Rinascita
Evolution Pulse Rinascita, nato dalla collaborazione tra The World Anvil e Black Box Games è un ottimo gioco di ruolo che riesce a coniugare perfettamente ambientazione e regolamento. Il nuovo Monad Echo, più fluido e snello rispetto al MONAD System, veste un setting dal sapore grimdark che rivisita il setting Evolution Pulse, già edito da Black Box Games. Evolution Pulse Rinascita è un’ottima porta di accesso al panorama dei giochi più improntati in senso narrativo, dato che si discosta dai tradizionali canoni ma senza allontanarsi troppo dal seminato. Un ottimo manuale che al tavolo di gioco è piaciuto molto!
Pro
Sistema di gioco flessibile e snello
Ottimo utilizzo dei Descrittori
Contro
Ambientazione fantasy non adatta a tutti i palati
Manuale che non ha il formato che merita (volevamo il cartonato!)
8
Voto Finale
Leggiamo altro?
Seconda Chance: saremo noi disegnare la nostra vittoria – Recensione