Spider-Man: il fumetto scritto da J.J. Abrams è iniziato con un tremendo shock per i fan [SPOILER]

Spider-Man J.J. Abrams sara pichelli

La nuova serie a fumetti di Spider-Man, scritta dal regista J.J. Abrams e dal figlio ventenne Henry e disegnata da Sara Pichelli che ha già esordito negli USA, ha debuttato con un primo albo davvero scioccante che ha spiazzato di fan dell’Uomo Ragno raccontando una storia che non è tipicamente quella a cui sono abituati gli appassionati dell’Arrampicamuri Marvel.

Quello accaduto nel primo numero del fumetto di Spider-Man scritto da J.J. Abrams e figlio è qualcosa di tremendo e inaspettato per i fan dell’Uomo Ragno

Nei paragrafi che seguono vengono svelati i dettagli del primo numero di questo nuovo fumetto, che arriverà anche in Italia proprio in occasione del Lucca Comics, quindi vi piazzo qui un ALLARME SPOILER bello grande in maniera tale da mettere in guardi tutti coloro che non vogliono conoscere cosa è successo di così incredibile al nostro amichevole Spider-Man di quartiere.

Se siete ancora qui allora vuol dire che la vostra curiosità è talmente grande da non crearvi problemi di sorta, specialmente nel sapere che la storia messa giù da i due Abrams è già un pugno nello stomaco fin dalle prime pagine, con il Tessiragnatele mezzo morto e con un braccio messo davvero male dopo essersi scontrato con il nuovo villain Cadaverous.

Non si sa come questa battaglia sia iniziata ma la sconvolgente realtà è che, se Spidey è stato menato davvero di brutto, Mary Jane è stata addirittura uccisa da Cadaverous, cosa ancor più scioccante visto che da lì a poco si verrà a sapere che Peter ed M.J. hanno un figlio, il piccolo Ben ora rimasto orfano dell’amorevole mamma.

Un salto in avanti di 12 anni senza ragnatela

La storia fa quindi un balzo in avanti di 12 anni concentrandosi sul giovanissimo Ben Parker che scopre di avere gli stessi poteri del padre il quale, monco da un braccio (quello dilaniato dopo lo scontro con Cadaverous) è un genitore ormai assente che viaggia per il mondo lavorando come giornalista, con Ben che vive con zia May.

Peter ha chiaramente rinunciato a essere Spider-Man dopo quello che è successo a Mary Jane ma il primo numero si chiude con zia May che scopre i superpoteri del nipote e lo invita ad andare in soffitta dove Ben troverà il costume logoro e strappato di suo padre.

Insomma, si tratta di una storia in pieno stile J.J. Abrams che si è aperta con una tremenda serie di eventi e rivelazioni.

Non ci resta che attendere il debutto di questa nuova miniserie sperando di poter mettere al più presto le mani sul primo numero in occasione del Lucca Comics & Games in programma dal 31 ottobre al 3 novembre prossimi.

Voi , intanto, cosa ne pensate di quanto accaduto nel primo albo di Spider-Ma? Fatecelo sapere con un vostro commento qui sotto.

Fonte: GeekTyrant

Leggiamo altro?
steam girls
Steamgirls Project: la recensione del fumetto steampunk al femminile “nato da un gioco”