Perché non esiste un film di Metro 2033? Ecco la risposta!

metro exodus cover

Da quando la saga di Metro, il filone narrativo post-nucleare dello scrittore russo Dmitry Glukhovsky, è arrivato in libreria ho sempre sognato un film di Metro 2033 ad alto budget. Mentre questa attesa si protrae da anni, nel frattempo mi sono divertito la versione videoludica, che si arricchirà a febbraio del nuovo capitolo, Exodus, che abbiamo provato in anteprima alla scorsa Milan Games Week.

Ecco perché non abbiamo ancora visto il fim di Metro 2033!

Ma il film di Metro 2033 rimane ancora un sogno irrealizzato. Eppure in questi giorni si scopre che c’è mancato davvero un soffio per trasformare in realtà questa speranza. La MGM aveva già opzionato i diritti sul romanzo che poi ispirato il Metroverso nel 2012, ma il progetto è naufragato perché i produttori volevano spostare il tutto in America, abbandonando i tunnel della metropolitana moscovita in favore dei un Washington post-atomica.

Il primo pensiero è che alla MGM abbiano confuso il film di Metro 2033 con una pellicola ispirata più all’altra celebre saga post-atomica dei videgiochi, Fallout.

metro exodus 3

Ora che i diritti sono tornati a Glukohvsky, il creatore del Metroverso ha deciso di parlare anche di questo aspetto della sua creazione.

“Stiamo parlando di un eventuale film di Metro 2033 con altri produttori, anche se si tratta di un processo decisamente difficile e molto lungo, ma sono ancora ottimista. Speriamo che l’uscita di Metro: Exodus possa spingere il Metroverso anche oltreoceano e vediamo come si sviluppano le cose”

In un’intervista a VG247, Glukhovsky spiega che le ragioni del fallimento del film di Metro 2033 voluto da MGM erano principalmente dovute a differenze politiche e di implicazioni sociali

“A Washington , i Nazisti non avrebbero avuto senso, i Comunisti ancora meno, e gli Oscuri non avrebbero funzionato. Washington è di base una città nera. Non era l’allusione che volevo, io penso ad una metafora generica sulla xenofobia, ma non è un riferimento marcato verso gli Afroamericani. Per questo non avrebbe funzionato. Erano spaventati di ambientare il film di Metro 2033 a Mosca perché gli americani sono rinomati per amare la storie sull’America”

Prendere un contesto narrativo come quello di Metro 2033 e trapiantarlo su un altro tessuto sociale, effettivamente, ha poco senso.  Tralasciando il fatto che anche Washington ha una sua metropolitana, quello che sarebbe venuto meno è la forma mentis dei protagonisti, il loro ambiente culturale di formazione, che è alla base dello stesso Metroverso.

Nonostante questa prima delusione, Glukhovsky è comunque fiducioso su un futuro film di Metro 2033. A dargli coraggio è anche il crescente successo del Metroverso, che negli ultimi anni è diventato una delle ambientazioni fantascientifiche più note.

“Abbiamo visto la versione americana dell’apocalisse innumerevoli volte, e anche gli appassionati del genere sono ormai più che sazi di queste storie, non ne voglio più sapere. “

La speranza di un film di Metro 2033 è dunque legata al successo commerciale di Metro: Exodus, e se le premesse viste nell’anteprima verranno mantenute, l’idea di vedere Artyom e compagni sul grande schermo potrebbe non esser poi così impossibile!

guest
0 Commenti
Feedback in ordine
Vedi tutti i commenti
...e questo?
Serie VR di Star Wars Vader Immortal
Vader Immortal: annunciato l’arrivo su Playstation VR