The Necronomicon Gamebook: Dagon, un viaggio dentro la Follia – Recensione

THE NECRONOMICON GAMEBOOK: Dagon

Sogno il giorno in cui usciranno dai flutti e stringeranno negli artigli immensi i resti dell’umanità insignificante, logorata dalle guerre… il giorno in cui le terre sprofonderanno e il fondo oscuro dell’oceano salirà in superficie, nel pandemonio universale. La fine è vicina. Sento un rumore alla porta, come se un immenso corpo viscido vi premesse contro. Non mi troverà. Dio, quella mano! La finestra!

The Necronomicon Gamebook: Dagon è il nuovo librogame di Officina Meningi scritto da Valentino Sergi e ambientato nell’universo di H.P. Lovecraft.

Si sentiva il bisogno di un nuovo librogame sul mondo di Lovecraft? La risposta dopo aver provato questo libro-gioco non potrà che essere: ovviamente sì. Questo perché The Necronomicon Gamebook: Dagon è un libro-gioco che vi saprà immergere completamente nell’atmosfera di intimo orrore e follia tipica di Lovecraft, il tutto senza dimenticare il divertimento e la bellezza del giocare ad un librogame.

Scopriamo The Necronomicon Gamebook: Dagon, il librogame di Officina Meningi ambientato nell’angoscioso universo di H.P. Lovecraft.

the-necronomicon-gamebook-dagon-copertina

Ma andiamo con calma e scopriamo di che cosa tratta questo nuovo libro-gioco:

The Necronomicon Gamebook – Dagon è un’avventura letteraria dove potrai affrontare in prima persona gli orrori narrati da H. P. Lovecraft in alcuni dei più celebri racconti classici del ciclo di Cthulhu: Dagon, Il rituale e Il segugio (nel volume troverai anche una sezione dedicata alle Terre del Sogno, con alcuni suggestivi estratti da Kadath).

I racconti sono stati adattati con la massima fedeltà a partire dal testo originale, così da permetterti un’immersione interattiva nello stile del maestro del sovrannaturale attraverso una narrazione a bivi in cui, armato di dado e matita, percorrerai le vie di Kingsport, ti confronterai con creature mostruose, esplorerai territori da incubo e valicherai il confine che divide sogno e realtà. Riuscirai a impedire che il rito di Yule si compia, salvando l’umanità da un destino raccapricciante, o impazzirai prima?

Le meccaniche di gioco

The Necronomicon Gamebook – Dagon è un librogame ambientato in alcuni dei più famosi racconti dell’universo di Cthulhu e scritti dalla penna da H.P. Lovecraft.

Il librogame è un’opera di narrativa in cui è il lettore stesso a delineare la trama del libro. Questo perché il libro-gioco è formato da diversi capitoli che non vanno letti in sequenza, ma il lettore sceglie come reagire e comportarsi di fronte alla storia del libro, saltando così da un paragrafo all’altro in base alle proprie scelte e ai punteggi della scheda personaggio. La storia dei librigame non sarà mai la stessa, ma cambierà ogni volta che la leggiamo a seconda delle scelte che vogliamo compiere.

Questo genere nacque grazie a Joe Dever che, negli anni ’80, inizio a scrivere il ciclo fantasy di Lupo Solitario dando inizio a una vera e propria tradizione che continua fino ai giorni nostri e che, anzi, sta riscoprendo un periodo particolarmente favorevole.

Per giocare a The Necronomicon Gamebook: Dagon non serve molto altro se non un foglio, un dado a sei facce e una matita. Le meccaniche di gioco, così come per la maggior parte dei librigame, sono abbastanza semplici ed intuitive anche se in questo caso ci sono delle particolarità dovute all’ambientazione lovecraftiana.

scheda-the-necronomicon-gamebook

Nel volume troverete una prima scheda chiamata Diario e poi la Scheda di Combattimento, che vi servirà ogni volta che dovrete affrontare un nemico durante il racconto. Nel Diario vi sono le prime tre caratteristiche del vostro personaggio: Vigore (la forza fisica), Volontà (la capacità di resistenza della vostra mente) e Resistenza (quanto siete in grado di resistere agli attacchi; quando questo valore arriva a 0 il vostro personaggio è morto). Nel Diario è poi segnato il vostro Equipaggiamento e il livello di Follia.

Come anticipato, The Necronomicon Gamebook non è come un classico fantasy e il vostro personaggio vivrà orrori inimmaginabili e sconvolgenti, visioni che potrebbero ottenebrare la psiche con incubi, visioni e allucinazioni. Più il vostro livello di Follia è alto (cresce nel corso della storia a seconda delle vostre azioni) più saranno i malus che avrete.

Una delle particolarità di questo librogame è la presenza delle Terre del Sogno.

Ogni combattimento potrebbe essere letale, ma ci sono diversi modi per recuperare Punti Resistenza ed evitare di terminare prematuramente l’avventura. Uno di questi metodi è quello di dormire per recuperare 3 Punti Resistenza entrando così nelle Terre del Sogno.

Si tratta di un mondo onirico ricolmo di orrori che perseguitano il vostro personaggio, riempiendolo di visioni sconvolgenti e colme di paura, ansia e terrore. Non si tratta di semplici sogni o incubi perché quello che sperimenterete nelle Terre del Sogno avrà ripercussioni anche quando vi sarete svegliati. Insomma, dormire per recuperare Punti Esperienza non è una passeggiata!

the-necronomicon-gamebook-terre-sogno

Tutte le prove che si incontrano nel libro-gioco riguardano il lancio di un d6 in relazione a uno dei vostri valori del Diario, e in questo il combattimento non fa differenza. Quindi, un sistema semplice e, soprattutto, spiegato chiaramente nell’introduzione del libro. Si tratta di meccaniche di gioco che affiancano elementi classici del librogame fantasy a nuovi valori che si adattano perfettamente all’ambientazione e all’avventura di The Necronomicon Gamebook.

Un’avventura per immergersi nel mondo di H.P. Lovecraft

Una importante particolarità di The Necronomicon Gamebook: Dagon, che gli appassionati riconosceranno subito, è la sua volontà di mantenere lo spirito di Lovecraft in tutto e per tutto, anche e soprattutto tramite lo stile di scrittura dei paragrafi.

I singoli capitoli del libro, infatti, non si limitano a descrivere degli scenari già raccontati nei libri del maestro del sovrannaturale, ma essi sono trascritti seguendo perfettamente lo stile di scrittura ricco d’ansia e pathos di Lovecraft.

Non solo, in molti casi i testi classici sono stati ripresi integralmente così da garantire un’ottima esperienza di gioco per tutti coloro che amano i libri del ciclo di Cthulhu. Nella grande varietà di pubblicazioni di librigame, questo è sicuramente un tratto molto gradito e che fa un’enorme (e positiva) differenza.

Commentando le meccaniche di gioco, invece, a differenza della maggior parte dei gamebook fantasy, in The Necronomicon Gamebook i singoli paragrafi non sempre contengono un combattimento da dover superare per proseguire con la trama. Vivendo un’avventura lovecraftiana, la maggior parte dei capitoli riguarda scelte personali riguardo l’orrore e la follia del personaggio. Sta quindi proprio alla nostra interpretazione degli incubi della trama la scelta su come comportarci. Questo non vuol dire che i combattimenti non ci siano e, anzi, non è per nulla scontato uscirne incolumi.

the-necronomicon-gamebook-illustrazioni

Nonostante questo, uno degli elementi che ho notato giocando più volte è che non è così impossibile uscire indenni (almeno fisicamente) dall’avventura e che, soprattutto, anche se il personaggio muore prima del dovuto non si ha la sensazione che la cosa sia successa in maniera meccanica solo per il lancio di un dado sbagliato. Questo è molto importante, perché rende più piacevole l’esperienza di gioco.

Ultima analisi per la copia fisica del libro e le illustrazioni. The Necronomicon Gamebook: Dagon è un piccolo volume che contiene 80 paragrafi e 10 capitoli aggiuntivi per le Terre del Sogno.

Il fatto che non sia un librogame di grande formato non deve però trarvi in inganno: dopo averci giocato posso assicurare che non è per carenza di capitoli o di trame narrative, anzi, la storia si presenta complessa, ricca di scenari e scelte da compiere. Insomma, non correrete il rischio di annoiarvi!

Le illustrazioni sono realizzate da Jacopo Schiavo e Alberto Dal Lago e, anche se si nota che al libro hanno lavorato due mani distinte, non posso fare a meno di pensare che sia un’ottima scelta e che entrambi gli stili rispecchino bene l’ambientazione horror, angosciante e intima di Lovecraft.

The Necronomicon Gamebook: Dagon ha appena concluso una campagna su Kickstarter andata più che bene e il cui obiettivo è stato finanziato in soli 4 giorni. Anche se vi siete persi il Kickstarter, potete trovare The Necronomicon Gamebook sullo store di Officina Meningi.

Insomma, un librogame che è davvero un piccolo gioiello per tutti gli amanti di questo genere e che non è più la classica ambientazione a bivi, ma un sistema di gioco che riprende dalla tradizione per innovare creando un titolo davvero interessante e di grande giocabilità.

Leggiamo altro?
giochi da tavolo
Giochi da Tavolo: quali sono stati i titoli più hot dello scorso Lucca Comics?
>