Black Monday: Gloria a Dio Mammona, l’occulto dietro la finanza

Parlare di finanza e poteri forti in questi ultimi anni è un pericolo. Questi temi sono divenuti uno dei cavalli di battaglia di complottisti e politicanti, identificando con le banche e le agenzie di rating il male incarnato, i detentori di chissà quali poteri occulti con cui si controlla il mondo. E se fosse tutto vero? Leggendo Black Monday: Gloria a Dio Mammona, pubblicato in Italia da Oscar Ink, qualche sospetto si inizia ad avere.

Oscar Ink si arricchisce con Black Monday: Gloria a Dio Mammona, primo volume di un’avvicente saga di Hickman

Black Monday si incunea all’interno del mondo dell’economia, portandoci alla vetta di questo complicato universo, inserendo elementi irreali (ma ne siamo così sicuri?) che sembrano originare da un delirio complottista. Jonathan Hickman, autore della storia, si addentra in questa analisi dei giochi di potere, scegliendo un approccio che inizialmente sembra puntare al noir, salvo poi espandere l’universo narrativo verso nuove dimensioni.

black monday: gloria a dio mammona 1

A rendere interessante la narrazione di Black Monday: Gloria a Dio Mammona è l’aver voluto giocare non solo sui diversi generi narrativi, ma il saper inserire elementi storici all’interno di questo intreccio tutt’altro che semplice. Impossibile parlare di alta finanza senza fare riferimento a celebre ‘Giovedì nero‘ del 1929 o al ‘Lunedì nero‘ del 1987, casualmente entrambi in ottobre. Casualmente forse per noi profani, visto che alla Caina sanno bene che nulla è casuale ma può essere previsto appellandosi a poteri esoterici che consentono, a chi li padroneggia, di prevedere crisi economiche e trarre vantaggi.

Ma quanto può durare una simile lotta per il potere? Quando la morte di uno dei punti di riferimento della Caina, Daniel Rotschild, rivela una serie di macchinazioni infernali interne alla stessa banca, la situazione sembra presentare risvolti imprevisti, lasciando emergere dal passato la figura di Grigoria Rotschild, pariah della famiglia ed ora ultima erede di un posto di consigliera.

Peccato che un omicidio sia sempre un omicidio, e la polizia newyorkese non può certo rimanere indifferente. Data l’importanza della vittima e le strane circostanze del ritrovamento del cadavere, viene coinvolto il detective Theodore Dumas. Personaggio interessante, Dumas, visto con sospetto ed inquietudine dai colleghi, dato l’aura di mistero che circonda la sua carriera, piagata anche da accuse di eccessi, spesso motivate con spiegazioni al limite del paranormale.

black monday: gloria a dio mammona 2

Dumas e Grigoria incrociano le loro strade durante l’indagine, dando vita ad un parallelismo di intenti animato da una curiosa ed intriganti commistione di reale e esoterico, un equilibrio in cui analisi di elementi quotidiani poco noti viene esaltato dalla presenza di aspetti oscuri che stuzzicano la curiosità dei lettori.

Hickman sceglie di non annoiare il lettore con una disamina nuda e cruda del potere e del suo ruolo di corruttore silenzioso, ma ne impreziosisce il ritratto aggiungendo una componente magica che viene costruita con una precisione ragionata e funzionale. L’esoterismo finanziario viene approfondito storicamente, diventa la chiave di lettura di momenti storici ( divertente il ruolo del Muro di Berlino), dando vita anche una contrapposizione innovativa dei due blocchi della Guerra Fredda.

In quest’ottica, tutto è numero e strumento, non ci sono valori ma solo vantaggi. I personaggi sono amorali e egoisti, eppure magnetici, a volte con sprazzi di umanità, che deve esser soffocata per non finire schiacciati dagli stessi ingranaggi che si comandano. Gli elementi di spicco di questo parterre di protagonisti sono tutti dei reietti, in un certo senso, isolati dal resto del mondo a causa dei propri ruoli.

Black Monday: Gloria a Dio Mammona unisce in modo perfetto esoterismo e thriller

Hickman è perfetto nel delineare le loro difficoltà, esaltando cupidigia e vendetta, determinazione e crudeltà. Centrale il modo in cui viene mostrato l’addestramento dei nuovi broker, potenziali vittime sacrificali che nessuno rimpiangerà, ma che potrebbero divenire essenziali per la difesa degli interessi della Caina. Black Monday: Gloria a Dio Mammona travolge il lettore illudendolo inizialmente di trovarsi di fronte ad un’indagine per omicidio, ma come nei migliori thriller questo è solo il primo passo all’interno di una realtà molto più complessa, che giova non poco di un narrazione su più piani, soprattutto temporali.

Il presentare diversi momenti della vita dei personaggi è un modo raffinato per dare al lettore gli elementi essenziali con un ritmo sempre teso e mai scontato. Hickman sa bene come tenerci legati alle pagine e non lesina mai un linguaggio che sappia dare la sensazione di conoscenze misteriose per poi sorprenderci con accessi di volgarità e tagliente sarcasmo.

Non di minor rilievo l’ottima prova di Tomm Cocker ai disegni. Le tavole di Black Monday: Gloria a Dio Mammona sono suggestive, con un taglio che ne esalta i momenti essenziali e valorizza le sensazioni e le tensioni dei protagonisti. New York è resa in modo sublime, sia nella sua dimensione urbana che negli interni, creando la sensazione di essere all’interno di una realtà irraggiungibile. Aiutano non poco i colori perfetti di Michael Garland, che con una serie di sfumatura ha la capacità di creare i riflessi avvolgenti di un tramonto nei piani alti di un grattacielo o una realtà parallela in cui demoni e uomini si confrontano.

black monday: gloria a dio mammona 3

Black Monday: Gloria a Dio Mammona è un primo capitolo che ipnotizza. L’idea di base è vincente, e l’inserimento tra i diversi capitoli di contenuti che paiono manuali esoterici, utili per approfondire certi passaggi della trama di Hickman, rende ancora più affascinante questa storia.

Mondadori inserisce Black Monday all’interno della sua collana da collezione Oscar Ink, una scelta azzeccata che viene ribadita con una cura editoriale accorta e una confezione solida e graficamente affascinante, come dimostrato in passato con graphic novel come Shangri-La o Il vecchio e il mare. Non è una lettura adatta a tutti, bisogna accettare di comprendere alcuni meccanismi economici e accettarne l’esistenza ma Black Monday: Gloria a Dio Mammona offre sufficienti spunti per convincere anche il più restio lettore.

Potrebbe piacerti anche