Anger Games: apre a Legnano la Stanza della Rabbia!

anger games

Nasce a Legnano, in provincia di Milano, Anger Games la prima Rage Room del nord Italia.

Il concept, che ha origine in Giappone e che, passando dagli Stati Uniti, si sta sempre più diffondendo anche in Europa, è quello delle stanze della rabbia, ovvero locali dove poter dar libero sfogo alle proprie emozioni e frustrazioni, distruggendo oggetti, gridando e magari ballando.

Con un adeguato set di protezioni, a ciascun partecipante viene fornita un’arma base ed un set di vari oggetti con cui divertirsi (piatti, bicchieri, elettrodomestici, piccoli mobili); i 15 minuti di sfogo sono accompagnati da una selezione musicale scelta dal cliente ed immortalati in un video ricordo.

Nella stanza possono entrare al massimo 2 persone contemporaneamente.

L’accesso alla room avviene esclusivamente previa prenotazione e l’intera attività dura circa 30 minuti, con vestizione, briefing e debriefing; durante i giorni di apertura la struttura è comunque accessibile a chiunque voglia visitarla e prenotare direttamente la propria stanza.

Alessandro Marchetti, uno dei soci di Anger Games, ha così illustrato questa particolare attrazione anti-stress:

É da un qualche tempo che lavoriamo a questo progetto e finalmente siamo pronti per partire.

Il format è accattivante e moderno; in una società sempre più caotica e schizofrenica le persone sono spesso frenate dal contesto in cui si trovano a vivere ed operare.

Anger Games offre quella valvola di sfogo che spesso è richiesta, ma difficilmente trovata.

É una novità divertente e perché no, un buon antistress.

Mettiamo a disposizione diversi pacchetti standard tra cui scegliere, forniamo tanti extra e organizziamo addii al celibato/nubilato, sessioni di team building, eventi promozionali.

Anger Games ha inaugurato lo scorso 21 aprile a Legnano in via privata Faravelli, 12  ed è aperta, su prenotazione, venerdì dalle 17 alle 23, sabato e domenica dalle 14 alle 23.

Leggiamo altro?
nicolas cage superman
Crisi sulle Terre Infinite: Nicolas Cage poteva essere Superman