The Walking Dead: Andrew Lincoln saluta Chandler Riggs dedicandogli una canzone

Quest’anno sarà una festa del papà triste per Rick Grimes, il leader delle comunità unite di The Walking Dead, dato che suo figlio Carl è stato morso da una vagante e si appresta ad essere la prima dipartita eccellente dell’ottava stagione dello show AMC.

Se, sul finire della prima mid-season non avete pianto abbastanza per il triste destino di Carl, preparatevi a versare lacrime di ilarità grazie ad un divertente video in cui Andrew Lincoln (interprete di Rick Grimes) dedica una canzone di commiato a Chandler Riggs (Carl Grimes), rassicurando (in maniera scherzosa) il giovane attore che i lati positivi del suo addio allo show sono di gran lunga superiori a quelli negativi nel lasciare la crew:

Il lato positivo è che non dirò mai più “Coorl”!

Nel video, che potete vedere qui sotto, Lincoln in versione Felipe ha gli occhi azzurri (chi di voi ricorda la serie TV strappalacrime del 1991?) si esibisce al pianoforte di casa in una versione “vagante” della canzone Havana di Camila Cabello interamente dedicata a Chandler:

Dio come odio quegli zombi spaventosi,

Continuano a mangiare tutti i miei amici e la mia famiglia.

Sarà davvero difficile per Rick sopravvivere all’addio di Carl dato che il legame tra i due personaggi è stato il motivo principale della lotta di sopravvivenza dell’ex-sceriffo ma lunedì, quando The Walking Dead 8 riprenderà la sua programmazione con la seconda parte, sarà davvero difficile non pensare ad Andrew Lincoln al piano che canta questo motivetto!

Cooorlll!!!

Cosa ne pensate? Fatecelo sapere con un commento qui sotto!

The Walking Dead 8 (seconda parte)

La guerra totale ha avuto un impatto devastante su tutte le persone coinvolte. Le comunità stesse si sono disgregate. Alexandria è stata distrutta, Hilltop si trova bloccata e il Regno è in frantumi, la metà di loro sono morti, l’altra metà è controllata dai Salvatori.

Rick, dopo essere stato impegnato dal conflitto, è appena tornato a casa, giusto in tempo per sapere che suo figlio Carl, che ha guidato eroicamente gli alexandriani in salvo durante l’attacco di Negan, è stato morso da un vagante.

Un tempo unica ragione di vita in questa lotta per la sopravvivenza, Rick è costretto ad affrontare questa dura realtà. Carl è sempre stato un faro di speranza, un simbolo per l’esigua umanità restante, un insegnamento che i sopravvissuti attorno a lui avrebbero dovuto prendere in considerazione mentre montava il conflitto.

Rick però non è l’unica persona in pericolo. Aaron ed Enid sono in una situazione spinosa a Oceanside: non è chiaro se si trovano in territorio amico oppure se si sono fatti nuovi nemici.

Padre Gabriel farà la sua parte nel tentativo di condurre in segreto il dottor Carson a Hilltop da Maggie che è incinta ma che sta affrontando le molte questioni morali nate parallelamente alla sua leadership durante la guerra.

In una situazione di stallo con i Salvatori, lei deve decidere come procedere con le vite dei prigionieri di guerra che al momento sono sotto il suo controllo, ugualmente alla nuove complicazioni derivanti dall’essere un leader.

Oltre alla guerra, Negan continua ad occuparsi delle lotte intestine tra le sue fila, con i conflitti nel santuario tra lavoratori, traditori e la sete di potere degli altri. Dopo aver regalato ai Salvatori un’importante vittoria, la fedeltà di Eugene viene ripetutamente messa alla prova ogni qualvolta si presentano nuovi ostacoli e nuovi problemi.

Mentre la guerra totale ci consuma, il confine tra il bene e il male è sempre più labile. Le persone combattono per ciò in cui credono. Tutti lavorano insieme per qualcosa di più grande, per sentirsi sicuri ed avere un mondo in cui valga la pena vivere.

Fonte: EW

Potrebbe piacerti anche