Kingdome Come: Deliverance è finalmente disponibile, ma non tutti sembrano contenti

Kingdome Come: Deliverance, la prima fatica videoludica di Warhorse Studios, finanziato con un successo milionario su Kickstarter un paio di anni fa e probabilmente uno dei giochi più attesi di quest’anno (sicuramente il più atteso per questo mese di febbraio), è finalmente disponibile.

L’immenso RPG open world è spesso accostato a Skyrim o The Witcher 3, ma ricrea invece un mondo medievale complesso e realistico, al punto tale che qualcuno lo ha trovato dannatamente frustrante.

I primi voti per il gioco, sia di critica che di pubblico, sembrano infatti essere altalenanti, non rispecchiando propriamente il successo sperato dalla neonata software house di Praga. Le principali testate del settore hanno assegnato a Kingdom Come: Deliverance voti molti differenti (Metacritic attualmente è attestato sul 74 di score), mentre su Steam le recensioni degli utenti sono “perlopiù positive”.

Nonostante siano tutti d’accordo nell’affermare che il gioco non sia “per tutti i palati”, tra i problemi segnalati dagli utenti della prima ora trovano spazio una scarsa ottimizzazione del gioco complessiva, un sistema di combattimento troppo complesso, animazioni facciali particolarmente deludenti e un’interazione con gli oggetti da rivedere.

Nel frattempo, Daniel Vavra, il game director, ha rassicurato l’utenza sul fatto che una grossa patch seguirà nelle prossime due settimane, sistemando i numerosi bug ancora presenti nel gioco.

Cosa ne pensate? Ci state giocando? Fatecelo sapere tramite un commento qui sotto!

Potrebbe piacerti anche
Commenti
Caricamento...