The Walking Dead 49: Chiamata alle armi – Recensione

the walking dead 49 cover

The Walking Dead torna con una storia che inasprisce la situazione!

Dopo il punto di svolta dettato dal numero 150, la narrazione della comunità di Alexandria, che Rick cerca a tutti costi di tenere unita nonostante tutti gli sforzi a volte vani a volte no, di minare l’unità e la ace. Pace che non è proprio una vera e propria pace, ma un preparativo verso altro, come avevamo preannunciato la scorsa volta. La narrazione parte lenta, da più punti di vista, per poi incedere ad una velocità costante verso un turbinio di eventi, impensati e insperati.

the walking dead 49 copertina

Rick,dopo il discorso tenuto davanti all’assemblea della comunità procede con la creazione dell’esercito, allenando, non senza difficoltà, i novelli soldati a sparare agli zombi che si aggirano indisturbati nei territori, esposti a costanti pericoli e ad una morte precoce, tramutando un terreno di prova in un’ennesima battaglia di sopravvivenza

Adlard compie un ottimo lavoro, trasmettendo nei disegni tensione e sequenze che si susseguono frenetiche.La parte di tensione lascia spazio poi ad una parte di quiete, ad un dibattito a cuore aperto con Michonne e ad un breve, ma come solito intenso, incontro con Negan (avete letto la storia con le sue origini, vero?). Nonostante Rick, si sia ripreso la “sua” Alexandria, la sua gente, le serpi in seno crescono nell’ombra, e agiscono, mordendo da sotto una roccia quando meno ci se lo aspetta.

the walking dead 49 1

Kirkman ci fa esplorare più fronti, partendo da Eugene che ha preso contatti con una voce misteriosa di un sopravvissuto. Questa figura che si cela dietro un microfono, non è sicouro possa essere un nuovo alleato oppure un nuovo nemico che si potrebbe scongiurare. Le immagini di Adlard ci fanno esplorare la vita in Alexandria, la costruzione dell’esercito tramite l’aiuto di Dwight e l’autorità riacquistata da Rick. Kirkman ci porta anche ad esplorare come i metodi usati da Negan per guidare i suoi, traslati su Rick, siano potenzialmente dannosi, facendolo diventare troppo simile al suo rivale, facendolo diventare paranoico ed arrogante. Un elemento che è stato trattato forse con troppa superficialità è stata questa transizione di carattere che è stata troppo subitanea e avrebbe dovuto essere approfondita maggiormente, partendo forse da più lontano.I disegni sottolineano il pathos della conversazione tra Eugene e il misterioso interlocutore.

the walking dead 49 2

Le basi per il futuro sono gettate. Dopo un periodo di certezza si aprono di nuovo strade per giorni bui che aleggiano sui nostri. Emblematica è il cliffanger dell’ultima pagina, che capovolge la situazione della piccola comunità.

0 Commenti
Feedback in ordine
Vedi tutti i commenti