Intervista a Nicola Stocchi, progettista di modelli LEGO

Qualche giorno fa avevamo realizzato un articolo su di un fantastico modello LEGO della Vecchia Bessie, l’astronave per le consegne espresse di Futurama, realizzata da Nicola Stocchi. Noi di JustNerd avevamo scoperto l’astronave grazie a BrothersBrick, e nell’articolo ci chiedevamo se, dato il nome, Nicola fosse italiano. Beh, non solo è italiano, ma oggi è anche qui con noi per regalarci un’intervista!

Ciao Nicola e benvenuto su JustNerd! Avevamo il dubbio fossi italiano nel nostro articolo sulla tua splendida astronave di Futurama ricreata con i LEGO, di dove sei?

Ciao a tutti, si vi confermo che sono italiano e vengo da Parma.

Di cosa ti occupi nella vita?

Mi sono diplomato l’anno scorso e quest’anno ho iniziato a studiare ingegneria nella mia città.

Quanto tempo hai impiegato a terminare il progetto della “vecchia bessie”?

Ammetto di essere un po’ maniacale quando mi cimento in un progetto, e infatti mi segno anche le date.

Ho iniziato a progettare l’8 aprile ed ho finito il 12 maggio di quest’anno.

Lavori da solo o qualcuno ti da una mano?

Lavoro da solo per quanto riguarda la progettazione, ma da qualche mese collaboro con un amico conosciuto in rete che si chiama Gabriele Zannotti. Lui si occupa di prendere il file con il progetto e di farne delle bellissime foto, con effetti pazzeschi. A volte sembra di avere di fronte un modellino costruito veramente. 

Quanto tempo dedichi ai tuoi progetti con i LEGO?

Veramente non riuscirei a quantificare: ho iniziato in questo campo nel 2013, ci sono periodi vuoti in cui non ci penso proprio, e ce ne sono altri in cui mi prende la vena creativa e mi toglie molto, forse troppo tempo.

Ci puoi svelare quanto è costato realizzare l’astronave di Futurama?

Nulla. Come ho detto le foto che vedete sono realizzate al computer, inoltre ci sono 2 motivi principali per i quali spesso non posso realizzare i miei progetti:

1) mancanza di fondi (si parla di spendere oltre i 500€).

2) lavoro con un programma che rende disponibili tutti i pezzi in qualsiasi colore, ma nella realtà capita spesso che un determinato pezzo non venga prodotto in quella tonalità.

Hai altri lavori da poter mostrare ai nostri lettori?

Certo, li trovate quasi tutti sul profilo Flickr

Da dove consiglieresti di partire a chi, per la prima volta, si volesse avvicinare al tuo stesso hobby?

Prima di tutto ci vuole tantissima pazienza, soprattutto per chi si avvicina per la prima volta a software di costruzione 3D. Bisogna prenderci la mano e avere voglia di migliorare. Una cosa che consiglio è iscriversi a siti con persone che condividono questa passione, perché li si trovano dei modelli di riferimento e di ispirazione.

Sappiamo che in america ci sono persone che vivono grazie a questi progetti in LEGO, rendendoli un vero e proprio lavoro, qui in Italia com’è la situazione?

La verità è che non ne ho idea. Forse qui fare Lego è meno diffuso che in altri paesi e al momento non conosco nessuno che qui in Italia viva di questo.

Stai lavorando a qualche altro progetto ora?

Si, anche se d’estate ci lavoro poco o niente.

Puoi mostraci un’anteprima/work in progress per i lettori di JustNerd?

Posso dirvi che ho iniziato un Thunderjaw tratto dal videogioco Horizon Zero Dawn che uscirà questo autunno.

Però ho fatto davvero poco, non ho molto da mostravi per ora e non so quanto ci metterò.

Grazie per essere stato con noi Nicola. Speriamo di poter ammirare un altro tuo capolavoro il prima possibile!

Grazie a voi!

 


Noi ovviamente restiamo in attesa del Thunderjaw, e ringraziamo Nicola per il tempo che ci ha dedicato. Il nostro consiglio è quello di recarvi sul profilo Flickr di Nicola per potervi gustare tutti gli altri suoi lavori.
Potrebbe piacerti anche