Il primo fiore sbocciato nello spazio

Il primo fiore sbocciato nello spazio

Da un paio di giorni gira la notizia (vera) del fiore sbocciato a bordo della stazione spaziale orbitante ISS (International Space Station). Il fiore in questione è una zinnia, ovvero una pianta facente parte della famiglia delle Asteracee. Questa particolare varietà ha la caratteristica di essere estremamente sensibile alle variazioni di luce e ad altri parametri ambientali; la scelta quindi non è stata fatta in maniera casuale. La zinnia, che ha un ciclo di crescita che varia dai 60 ai 90 giorni, ha incontrato numerose difficoltà nella crescita in ambiente di microgravità ma, alla fine, gli astronauti della stazione spaziale hanno avuto la meglio.

Non è il primo fiore sbocciato nello spazio

Nel corso della diffusione della notizia della fioritura della zinnia, è stato dichiarato che questo, è stato il primo fiore ad essere sbocciato nello spazio. In realtà il record è stato raggiunto dai sovietici nel 1982, quando, a bordo della stazione Salyut-7, coltivarono diverse piante di Arabidopsis thaliana, raggiungendone la fioritura completa. Successivamente, un risultato similare è stato conseguito dall’astronauta americano Donald Pettit, che riuscì nell’impresa di coltivare un fiore di girasole.

Complimenti dunque all’equipaggio della ISS, che, nonostante non siano stati i primi, han raggiunto comunque un risultato eccezionale per la scienza moderna.


Fonte: NCBI

...e questo?
DeLorean stanford university
Ecco Marty, la DeLorean che si guida da sola e fa le derapate (stando sotto le 88 miglia orarie)