Stranger Things: Flight of Icarus è il romanzo prequel su Eddie Munson

eddie munson hellfire club stranger things 4 Joseph Quinn

Non poteva che strizzare l’occhio non solo al mito greco di Icaro ma anche al brano metal degli Iron Maiden, Stranger Things: Flight of Icarus, romanzo prequel della quarta stagione della serie TV Netflix tutto dedicato a Eddie Munson.

Vera rivelazione di Stranger Things 4, insieme ovviamente al villain Vecna, il nerd metallaro da lunghi capelli e con la passione per Dungeons and Dragons ha conquistato fin dalla prima inquadratura tutti i fan della serie TV creata dai fratelli Duffer.

Scritto da Caitlin Schneiderhan, Stranger Things: Flight of Icarus sarà ambientato nel 1984, due anni prima degli eventi della quarta stagione dello show e, ovviamente, racconterà del passato di Eddie permettendoci di conoscere meglio il background di questo personaggio così complesso e affascinante, un ragazzo dall’animo nobile celato dietro il duro aspetto da rockettaro.

Tuttavia, la storia raccontata dal romanzo racconterà dell’incontro di Eddie con un produttore musicale il quale, facendo leva sulle passioni del ragazzo, lo costringerà a essere coinvolto nei loschi affari del padre per poter racimolare i soldi e realizzare i suoi sogni da rock star.

Il romanzo, però, come rivelato dalla stessa autrice, non mancherà di gettare luce su come Eddie sia diventato il leader dell’Hellfire Club e “compagno di campagne” di Dustin, Mike, Will e Lucas con i quali condivide lo scherno dei coetanei e della società che associano il satanismo a Dungeons & Dragons.

“L’Eddie Munson che incontriamo all’inizio di Stranger Things 4 è il pastore protettivo delle pecorelle nerd smarrite della Hawkins High. Ma assumere quel ruolo non è stata una decisione così semplice”, ha detto la Schneiderhan a Entertainment Weekly.” Sono così entusiasta che i fan lo accompagnino nel suo viaggio che lo porterà a essere un eroe, per sperimentare le difficili decisioni che lo hanno portato a diventare il coraggioso disadattato che tutti conosciamo e amiamo”.

Trama del romanzo Stranger Things: Flight of Icarus

Hawkins, nell’Indiana, fondamentalmente e un’altra idilliaca cittadina americana ben curata, anche se per Eddie Munson è come vivere in un’eterna tomba degli orrori. Fortunatamente dovrà sopportare tutto ciò ancora per pochi mesi alla Hawkins High. E cos’è l’ultimo anno, in realtà, se non il tempo trascorso tra le sessioni di Dungeons & Dragons con l’Hellfire Club e i concerti con la sua band?

È nel peggior bar della città che Eddie incontra Paige, una persona che ha realizzato un incredibile miracolo. È scappata da Hawkins e si è costruita una vita diabolicamente fantastica lavorando per un produttore discografico di Los Angeles. Non solo è qualcuno di cazzuto con gusti musicali da urlo, ma potrebbe essere anche essere l’unica persona che lo apprezza davvero come il bardo che è in realtà, invece che dell’incarnazione del diavolo che credono tutti. La cosa più bella di tutto ciò è che Paige sta offrendo al ragazzo la possibilità di fare qualcosa per se stesso e tutto ciò che deve fare è procurarle una cassetta demo con le migliori canzoni dei Corroded Coffin, la band di Eddie.

L’unico problema è che per registrare serve denaro. Soldi che Eddie non ha. Eddie però è disposto a fare tutto il necessario, anche se questo significa affidarsi a suo padre, Al Munson, appena tornato nella sua vita. Eddie sa che questa è la sua unica opzione per fare soldi a sufficienza e in tempi brevi. È un rischio che deve corre perché se verrà ripagato avrà finalmente un biglietto di sola andata per scappare da Hawkins.

Eddie lo sente a pelle: il 1984 sarà il suo anno.