The Suicide Squad: il cattivo poteva essere Superman

Il divertente e a tratti assurdo The Suicide Squad: Missione Suicida poteva avere Superman come nemico principale della Task Force X. Ad affermarlo è stato il regista James Gunn, che ha poi scartato l’idea in favore di Starro, un cattivo molto più adatto allo stile del film.

In qualsiasi altro contesto una stella marina senziente nella parte dell’antagonista sarebbe stato un azzardo, ma in questo film dove la maggior parte delle scene sono surreali, la scelta di non utilizzare un personaggio canonico come Superman è stata sicuramente azzeccata.

Superman vs Suicide Squad: idea scartata da James Gunn

Se nella versione uscita al cinema di The Suicide Squad la Task Force X finisce per affrontare una stella marina extraterrestre, in una delle bozze di sceneggiatura la squadra suicida avrebbe dovuto affrontare Superman. Esatto, l’Uomo d’Acciaio è stato ad un passo dal diventare il cattivo del film.

Il motivo per cui le cose sono cambiate lo ha spiegato James Gunn durante un’intervista con Script Apart, dicendo: “C’è stato un tempo in cui pensavo che la squadra dovesse combattere Superman. Ma all’epoca c’era molta incertezza su chi fosse Superman nel DCEU e se Suicide Squad ne facesse parte. Questioni troppo grosse da affrontare tutte assieme, così rinunciai all’idea“.

the suicide squad missione suicida james gunn

Secondo Gunn, la Suicide Squad avrebbe dovuto catturare Superman per qualche motivo, forse perché controllato da qualcuno o una minaccia per l’umanità, con gli antieroi pronti ad affrontare l’uomo più potente del mondo. Rimosso come antagonista principale, Superman è diventato solo un riferimento per dare un’accenno al passato di Bloodsport, l’unico in grado di mandare l’Uomo d’Acciaio all’ospedale.

Gunn ha quindi spiegato il motivo per cui ha inserito Starro e il suo amore per quel personaggio:

Penso che sia un perfetto personaggio dei fumetti, perché è assolutamente ridicolo ma anche molto spaventoso. Quello che fa è spaventoso. Mi spaventava a morte quando ero un bambino, mettendo quelle stelle marine in faccia. Quindi ho pensato che fosse un cattivo DC che non sarebbe mai apparso in nessun altro film. Se lo avessero fatto sarebbe stata una versione composta da tante piccole stelle marine e non una stella marina gigante ambulante, un kaiju rosa e azzurro.

Alla fine la scelta di Gunn di usare Starro come villain si è rivelata efficace, con un cattivo insolito quanto estremamente distruttivo capace di inserirsi perfettamente in un film come questo.

Mostra Commenti (0)
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments