Demon Slayer e i kata di Tanjiro: ecco tutte le mosse speciali dell’ammazzademoni

demon slayer kata tanjiro

Uno degli elementi caratterizzanti di Demon Slayer (Kimetsu no yaiba), come ogni buon battle shonen manga / anime che si rispetti, è rappresentato dalle mosse speciali utilizzate dai protagonisti, in particolar mondo da Tanjiro Kamado che, con i suoi 10 kata + 1, è sicuramente l’ammazzademoni più conosciuto e amato dell’opera creata da Koyoharu Gotoge.

Tanjiro, dopo che Kibutsuji Muzan ha sterminato la sua famiglia, risparmiando solo la sorella Nezuko che, tuttavia, viene trasformata in demone, decide di diventare un ammazzademoni sia per vendicare la sua famiglia e avere una possibilità di trovare una cura per Nezuko stessa, sia per evitare che qualcun altro potesse subire una tragedia simile alla sua.

Demon Slayer: tecniche di respirazione e kata di Tanjiro

Grazie a Giyu Tomioka, uno dei 9 Pilastri di Demon Slayer, Tanjiro viene affidato a Sakonji Urokodaki, affinché apprenda le tecniche di respirazione e le mosse speciali effettuate con la katana conosciute come kata.

Urokodaki (ex pilastro dell’acqua), insegna così a Tanjiro l’utilizzo della Respirazione Dell’Acqua (Mizu no kokyū), speciale tecnica che permette di controllare e la quantità di ossigeno nel sangue e  la propria respirazione al fine di aumentare forza e resistenza, infliggere colpi più precisi ed efficaci e, in definitiva, eguagliare le abilità ultraterrene dei demoni.

L’obiettivo finale è quello di trovare, durante il combattimento, il cosiddetto “filo dell’apertura”, istante in cui si crea un varco nella guardia del nemico attraverso il quale infliggere il colpo decisivo. Inoltre, padroneggiando il proprio schema respiratorio Tanjiro, come ogni ammazzademoni, è in grado anche di “gestire” le eventuali ferite subite e rallentare (fino a fermare) il sanguinamento.

Tuttavia, contro i demoni, specialmente in caso di scontro con le Lune Demonianche, le tecniche di respirazione servirebbero a ben poco se non supportate adeguatamente dall’utilizzo delle mosse speciali da effettuare con la katana Nichirin.

Gli undici Kata usati da Tanjiro di Demon Slayer

Scopriamo, dunque, quali sono tutti gli 11 kata utilizzati da Tanjiro in Demon Slayer.

Quindi, Concentrazione Assoluta, Respirazione dell’Acqua e partiamo:

Primo Kata: Squarcio della Superficie (Ichi no kata: Minamo giri)

Si tratta di un singolo colpo concentrato che Tanjiro utilizza quando è sicuro di poter decapitare all’istante il demone che si trova davanti. Lo utilizza, per esempio, nel corso del suo esame per diventare ammazzademoni eliminando il demone che odia Urokodaki e che aveva ucciso Sabito e Makomo.

Secondo Kata: Ruota d’Acqua (Ni no kata: Mizu guruma)

È una mossa “acrobatica” in cui Tanjiro ruota in aria il suo corpo mentre taglia, formando una sorta di ruota, per infondere più potenza alla katana e infliggere un fendente più efficace.

Secondo Kata Modificato: Ruota d’Acqua Orizzontale

È la versione alternativa del secondo kata con Tanjiro che ruota, insieme alla sua spada, parallelamente al terreno.

Terzo Kata: Danza della Corrente (San no kata: Ryūryū mai)

Imitando il movimento della corrente di un fiume che scorre tra le anse, Tanjiro fa “danzare” in maniera sinuosa la sua katana contro il suo avversario colpendolo in maniera rapidissima, come quando taglia le braccia del demone che utilizza i palloni come arma.

Quarto Kata: Marea Burrascosa (Shi no kata: Uchishio)

Con il quarto kata Tanjiro effettua più tagli consecutivi mentre tsi muove in modo fluido ma deciso come fa la superficie del mare quando c’è una forte marea.

Quinto Kata: Pioggia Misericordiosa – Pioggia benedetta dopo la siccità (Go no kata: Kanten no jiu)

Si tratta di una mossa che rispecchia tutta l’empatia e la misericordia che Tanjiro prova verso le persone trasformate in demoni dallo spietato Muzan e dai suoi adepti. L’avversario viene decapitato con un colpo netto e indolore portato lateralmente. Tanjiro lo utilizza la prima volta contro la “madre” della Quinta Luna Calante Rui, ripetendolo poi tutte le volte che il nemico si arrende volontariamente, tanto che alla fine del kata si vede una dolce aura che illumina e avvolge il demone sconfitto.

Sesto Kata: Mulinello (Roku no kata: Nejire uzu)

Tanjiro esegue una veloce rotazione del suo corpo creando un velocissimo turbine che attrae e taglia qualsiasi cosa nelle vicinanze. Viene utilizzato in presenza di più nemici e, se eseguito sott’acqua crea un mulinello devastante

Settimo Kata: Pioggia Perforante (Shichi no kata: Shizuku hamon tsuki)

Si tratta della tecnica più rveloce della Respirazione dell’Acqua: un affondo di spada rapido e preciso capace di oltrepassare le difese dell’avversario. Tanjiro lo utilizza contro il demone dei palloni, infilzandolo dopo aver trapassato una delle sfere lanciate durante l’attacco.

Settimo Kata Modificato: Pioggia Perforante Curva

È un colpo derivato dal precedente con la differenza che, sebbene portato fondamentalmente come affondo, la katana di Tanjiro colpisce in maniera angolata con un movimento ad arco.

Ottavo Kata: Bacino della Cascata (Hachi no kata: Takitsubo)

È un colpo potentissimo che viene sferrato dall’alto verso il basso in maniera perpendicolare all’obiettivo, con Tanjiro che salta e sfrutta poi tutta l’energia della ricaduta concentrandola sulla Katana che si abbatte con violenza sull’avversario come una cascata nel bacino sottostante.

Nono Kata: Schizzo d’Acqua (Kyu no kata: Suiryū shibuki – ran)

Quando Tajiro utilizza questo kata si muove velocemente verso l’avversario spostandosi di continuo per non fornire a quest’ultimo punti di riferimento, fino a giungere in prossimità del demone, vedere “l’apertura” e sferrare il colpo fatale. Vediamo per la prima volta questa mossa quando Tanjiro affronta Kyogai, Sesta Luna Calante, nella Casa dei Tamburi.

Decimo Kata: Tutto Scorre (Jū no kata: Seisei ruten)

L’ultima mossa speciale della Respirazione dell’Acqua è un attacco costante fatto di rotazioni successive che aumentano via via di potenza, tanto che Tanjiro lo utilizza (senza grandissimi risultati) nel combattimento contro al Quinta Calante Rui brandendo la sua katana ormai spezzata.

Danza del Dio del Fuoco (Hinokami Kagura)

La Danza del Dio del Fuoco è un kata speciale “appreso” da Tanjiro direttamente dal padre, poi affinato con l’aiuto del Pilastro della Fiamma Kyojuro Rengoku, deriva dalla prima forma di respirazione, la Respirazione del Sole (Hi no kokyū). Si tratta di una forma di combattimento molto potente che può essere utilizzata insieme alle altre tecniche di respirazione e che Tanjiro usa proprio nel duello finale contro Rui grazie anche all’aiuto del potere di Nezuko.

Tuttavia, pur sferrando questo potentissimo attacco contro il demone, quest’ultimo si decapiterà da solo per sfuggire alla morte che, però, arriverà per mano di Giyu Tomioka e della sua personale mossa della Respirazione dell’Acqua, ovvero l’undicesimo kata chiamato Bonaccia.