The Outer Worlds – Recensione del GDR di Obsidian ora disponibile anche su PC

the outer worlds PC steam Obsidian

Dagli autori di Fallout New Vegas arriva finalmente The Outer Worlds anche sulla piattaforma Steam e molti PC gamer amanti del genere non si sono lasciati scappare l’occasione di buttarsi a capofitto in questa avventura. Sì, perché Obsidian non può certamente aver partorito un lavoro approssimativo e le aspettative, soprattutto dai fan del settore, sono ovviamente molto alte.

La recensione della versione PC di The Outer Worlds, il GDR che convince e rappresenta un nuovo successo del genere per Obsidian

Pensate ad un gdr in un contesto sci-fi che affronta con ironia pungente ogni aspetto e tematica, circondati da predoni, bestie feroci e corporazioni…ecco il sistema di Alcione: qui verrete catapultati dopo un rapido scongelamento da parte di uno pseudo scienziato poco rassicurante.

In The Outer Worlds ti risvegli dall’ibernazione su una nave di coloni che si è perduta durante il trasferimento verso Halcyon, la colonia più lontana della Terra ai confini della galassia, per trovarti invischiato in una complicata cospirazione che rischia di distruggerla. Mentre esplori le regioni di spazio più remote e incontri diverse fazioni, tutte in lotta per il potere, potrai sviluppare il tuo personaggio e indirizzare come preferisci una storia che totalmente dipende dalle tue decisioni. Nell’equazione che le aziende hanno previsto per la colonia, tu sei la variabile imprevista.

Secondo la migliore tradizione della Obsidian, l’approccio a The Outer Worlds dipende interamente dal giocatore. Le scelte non influenzano solo la trama principale ma anche le caratteristiche del proprio personaggio, le storie dei compagni di viaggio e, ovviamente, il gran finale.

Creazione del personaggio

Dopo questa breve introduzione partiamo dal fatto che si tratta di un vero gioco di ruolo e questo lo si capisce già in fase di creazione del personaggio prima di cominciare a giocare: esattamente come in un GDR degno di questo nome, prima di iniziare, dobbiamo scegliere le caratteristiche e le abilità del personaggio che andranno a determinare la base sulla quale creeremo il nostro avatar e inevitabilmente decideremo il nostro stile di gioco.

Si parla di stile di gioco perchè non si tratta di un’avventura guidata, di percorsi limitati o scelte scontate. In Outer Worlds potrete scegliere chi essere e cosa fare nel modo che più vi aggrada. Non è uno sparatutto: potrete quindi risolvere un imminente conflitto con diplomazia grazie a una semplice conversazione carismatica oppure, sempre tramite i dialoghi, scegliere di intimidire le persone, oppure ancora mentire per creare astio tra vari gruppi in modo che si facciano fuori a vicenda. Ovviamente non manca la possibilità di fare una sana strage e per questo ci sono anche scelte nei dialoghi che, abbracciando il turpiloquio, portano ad un inevitabile bagno di sangue.

Quindi saremo noi a decidere come comportarci e cosa diventare: dall’eroe senza macchia a un vile sadico doppiogiochista, giocare consumando tonnellate di piombo, oppure progredire senza sparare nemmeno un colpo… una libertà che in pochi giochi è possibile.

Armi, crafting e abilità

Parliamo ora del comparto armi e degli scontri, premettendo che il gioco non brilla per il sistema di mira, non proprio da shooter, e nemmeno per quello del combattimento corpo a corpo, decisamente un po’ incerto, ma rimane comunque più che appagante considerando che l’obbiettivo del game è un altro. In ogni caso comunque, come ogni amante di Fallout vuole, ci troveremo a trasformarci in veri e propri accumulatori seriali di armi, armature e materiali. Queste saranno poi modificabili e migliorabili presso i banchi da lavoro con un sistema di crafting intuitivo e non troppo complicato.

Come anticipato potremo scegliere in che modo affrontare i nemici, quindi, in base ai nostri gusti, potremo anche decidere di prediligere attacchi furtivi alla classica pioggia di fuoco. Per questo motivo avremo a disposizione un ricco arsenale che spazia dalle armi tecnologiche laser e plasma fino all’uso di un affilato macete, ma contando anche anche sulla buona e vecchia mazza (magari elettrificata, giusto per non farsi mancare nulla!). Una vantaggiosa conseguenza del nostro sonnellino criogenico sarà inoltre la “dilatazione tattica del tempo” che permetterà di rallentare il tempo e fare numeri degni del killer più ricercato.

Le abilità consentiranno di meglio definire il personaggio scegliendo tra armi da mischia, a distanza, difesa, comunicazione, invisibilità e tecnologia…ovviamente non ci si ferma qui, sarà possibile scegliere ulteriori attributi con l’avanzare del gioco per meglio cucire su misura il protagonista al proprio stile di gioco.

La storia di The Outer Worlds

Abbiamo parlato del personaggio, dell’ambientazione, delle armi e delle abilità, ma non abbiamo detto nulla ancora della punta di diamante di questo gioco: la LORE.

Non stiamo parlando della sola storia principale, che se presa singolarmente potreste terminare anche in meno di 20 ore di gioco, ma del mondo, delle storie, dei dialoghi e dei personaggi che incontrerete. Questo è il vero punto forte: tutti i dialoghi sono stati curati sotto ogni dettaglio e permettono una ramificazione della storia con molteplici sfaccettature; su questo si vede proprio il tocco di Obsidian e la bravura nel realizzare un titolo che, agli amanti del genere, non può e non deve sfuggire.

Requisiti di sistema

Prima di lasciarvi definitivamente alla vostra personale esperienza con The Outer Worlds, che trovate QUI su Steam, vi consiglio di dare un rapido sguardo ai requisiti di sistema indispensabili per giocare a questo titolo:

Requisiti di sistema minimi:

  • Processore e un sistema operativo a 64 bit
  • Sistema operativo: Windows 7 (SP1) 64bit
  • Processore: Intel Core i3-3225 or AMD Phenom II X6 1100T
  • Memoria: 4 GB di RAM
  • Scheda video: Nvidia GTX 650 Ti or AMD HD 7850
  • Memoria: 40 GB di spazio disponibile

Requisiti di sistema consigliati:

  • Processore e un sistema operativo a 64 bit
  • Sistema operativo: Windows 10 64bit
  • Processore: Intel Core i7-7700K or Ryzen 5 1600
  • Memoria: 8 GB di RAM
  • Scheda video: GeForce GTX 1060 6GB or Radeon RX 470
  • Memoria: 40 GB di spazio disponibile
guest
0 Commenti
Feedback in ordine
Vedi tutti i commenti
...e questo?
destiny 2 oltre la luce 1
Destiny 2: quando l’oscurità va ben Oltre la Luce – Recensione