The Last of Us: il doppiaggio in italiano è bloccato per uno sciopero ANAD

the last of us pedro pascal bella ramsey

I fan si saranno sicuramente accorti che questa settimana il settimo episodio dell’attesissima serie HBO sta tardando a uscire sulle piattaforme Sky e NOW TV. Ovviamente il problema riguarda solo la versione con il doppiaggio in italiano, e ciò è dovuto a uno sciopero indetto dai doppiatori facente parte dell’ANAD. Il doppiaggio in italiano di The Last of Us è bloccato a causa dello sciopero.

L’Associazione Nazionale Attori Doppiatori (a questo corrisponde l’acronimo) avrà una durata di almeno una settimana, ed è stato indetto proprio per tutelare ciò che viene considerata un’eccellenza italiana.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da ANAD (@anad.doppiaggio)

I professionisti che lavorano in questo settore non sono infatti tutelati sull’eventuale utilizzo di Intelligenze Artificiali. In alcuni casi, sono anche costretti a firmare contratti dove cedono i diritti della loro voce a società che utilizzano le IA per riprodurle. Il tutto poi contornato dai compensi non adeguati per la categoria.

Per ora quindi tutte le attività di doppiaggio e di produzione cinematografiche nazionali sono bloccate. Ciò comprende quindi anche lo stupendo lavoro che si sta facendo sulla serie di The last of Us.

Il videogioco di Naughty Dog che ha ispirato la serie HBO

Nato dalla mente di Neil Alan Druckmann e Bruce Straley, The Last of Us è un action game dallo stile dinamico sviluppato Naughty Dog nel 2013 (per un maggiori informazioni potete dare un’occhiata alla nostra classica dei 10 migliori titoli di Naughty Dog).

Quest’opera ottenne subito in grandissimo successo, non solo grazie al gameplay innovativo, ma soprattutto per merito della stupenda trama, narrata in maniera impeccabile. The Last of Us è infatti uno dei primi (insieme ad Uncharted tra gli altri) che ha introdotto la realizzazione dei game in maniera più cinematografica. Ciò ha creato un’esperienza completamente diversa per il giocatore, rispetto a tutto ciò che era stato fatto fino a quel momento.

La serie HBO ha risentito molto anche di questo fattore, infatti molte scene sono praticamente uguali al videogioco, cosa molto apprezzata dai fan.

Fonte