Sab 22 Giugno, 2024

Le News della settimana

spot_img

Potrebbe interessarti

Mad Max: George Miller torna a parlare della faida tra Tom Hardy e Charlize Theron

Non è un segreto che Tom Hardy e Charlize Theron non andassero d’accordo durante le riprese di Mad Max: Fury Road. I due hanno avuto grossi problemi l’uno con l’altra e diversi anni fa hanno parlato del loro conflitto. Ora, il regista George Miller è tornato a parlare della faida tra Hardy e la Theron durante la produzione del film, che derivava dal fatto che Tom fosse un attore difficile con cui lavorare.

Durante un’intervista con The Telegraph, Miller ha ricordato che: “Erano semplicemente due interpreti molto diversi. Tom ha un aspetto pericoloso ma anche una brillantezza che lo accompagna, e qualsiasi cosa gli stesse succedendo in quel momento, doveva essere tirato fuori dalla sua roulotte”. Ha aggiunto: “Mentre Charlize era incredibilmente disciplinata – una ballerina di formazione, il che si rifletteva nella precisione della sua performance – e sempre la prima sul set”.

Miller ha sottolineato che le cose sul set sono gradualmente migliorate con il passare del tempo, dicendo: “Sono un ottimista, quindi ho visto il loro comportamento come specchio dei loro personaggi, che dovevano imparare a cooperare per garantire la sopravvivenza reciproca”. Ma ha aggiunto che: “Non ci sono scuse per questo, e penso che ci sia una tendenza in questo business a usare grandi performance come scusa per altri disagi che potrebbero essere evitati”.

Mad Max Fury Road

George Miller ricorda i problemi sul set di Mad Max tra Tom Hardy e Charlize Theron, mentre guarda all’arrivo di Furiosa

Prima di iniziare le riprese del prequel di Mad Max, Furiosa, Miller ha parlato con le sue star Anya Taylor-Joy e Chris Hemsworth per garantire una produzione senza intoppi (e forse nella speranza che i problemi avuti con Hardy e la Theron non si ripetessero).

Ha spiegato: “Bisogna essere ossessionati dalla sicurezza: sicurezza fisica, man mano che le riprese proseguono e la stanchezza si fa sentire, ma anche sicurezza psicologica. Non è come ai vecchi tempi”.

Mark Goellnicht, operatore della macchina da presa di Fury Road, ha raccontato di un giorno che ricorda “vividamente”, in cui la riluttanza di Hardy a presentarsi al lavoro in orario fece esplodere la Theron.

Goellnicht ha detto: “La chiamata sul set era alle otto. Charlize è arrivata proprio alle otto, si è seduta nel War Rig, sapendo che Tom non sarebbe mai arrivato alle otto, anche se gli avevano fatto una richiesta speciale di arrivare in orario. Era noto per non essere mai puntuale al mattino. Se l’orario di chiamata era la mattina, non se ne parlava: non si presentava”.

Ricky Schamburg, primo assistente operatore, ha aggiunto di non essere sicuro della decisione deliberata di Hardy di arrivare in ritardo sul set, “ma sembrava deliberatamente provocatorio. Secondo me, sapeva che stava facendo arrabbiare Charlize, perché lei è professionale e si presentava molto presto”.

Quel giorno Hardy si è presentato sul set con tre ore di ritardo, mentre la Theron aspettava nel War Rig con il costume e il trucco completo.

Quando Hardy si è finalmente presentato, Goellnicht ha spiegato: “Lei è saltata fuori dal War Rig e ha iniziato a imprecare a testa bassa contro di lui, dicendogli: ‘Multa di centomila dollari a quel fottuto stronzo per ogni minuto in cui ha trattenuto la troupe’ e ‘Quanto sei irrispettoso!’. Aveva ragione. Una sfuriata in piena regola. Lo urla a squarciagola. È così forte, c’è così tanto vento – lui potrebbe averne sentito un po’, ma si è avvicinato a lei e le ha detto: “Cosa mi hai detto?””.

Goellnicht ha aggiunto: “Era piuttosto aggressivo. Lei si è sentita davvero minacciata e questo è stato il punto di svolta”.

Dopo lo scontro, la Theron ha chiesto alla produttrice Denise Di Novi di recarsi sul set del film per seguirla e assicurarsi che non ci fossero altri conflitti. L’attrice ha raccontato questa esperienza: “La situazione mi è sfuggita di mano e ho pensato che forse l’invio di una produttrice donna avrebbe potuto risolvere la situazione, perché non mi sentivo al sicuro. Mi sono impuntata. George allora ha detto: ‘Ok, beh, se Denise viene…’ Era aperto alla cosa e questo mi ha fatto respirare un po’, perché mi sembrava di avere un’altra donna che capiva cosa stavo affrontando”.

Hardy ha commentato così il confronto: “Con il senno di poi, per molti versi ero fuori di testa. La pressione su entrambi è stata a volte schiacciante. Lei aveva bisogno di un partner migliore, forse più esperto di me… Mi piace pensare che ora che sono più vecchio e più brutto, potrei essere all’altezza della situazione”.

Fonte

Ultimi Articoli