Dune 3: Denis Villeneuve rivela che lo script è quasi finito

Dune Timothee Chalamet Zendaya

In attesa della seconda parte della saga cinematografica tratta dai romanzi di Frank Herbert, oltre che poter confrontarsi con la serie TV prequel, arrivano novità riguardanti lo script di Dune 3.

Per il regista Denis Villeneuve, la stesura della sceneggiatura del terzo capitolo è quasi giunta al termine, con il regista canadese che nel corso di conferenza stampa legata alla presentazione di Dune: Parte 2, si è lasciato andare a diverse rivelazioni.

“Per me, questo film è molto meglio della prima parte, ha detto Villeneuve. “C’è qualcosa di più vivo in esso, c’è una relazione con i personaggi. Stavo cercando di raggiungere un’intensità e una qualità di emozioni che non avevo raggiunto con la prima parte e che ho raggiunto con la seconda parte. Non sto dicendo che il film sia perfetto, ma sono molto più soddisfatto della seconda parte che della prima. Non vedo l’ora di condividerlo con i fan e gli spettatori”.

“Il primo film era più meditativo e contemplativo. Stavamo seguendo un giovane alla scoperta di un nuovo pianeta, di una nuova cultura”, ha proseguito il regista. “Il secondo… è più un film d’azione rispetto alla prima parte. È più muscoloso”.

Gli aggiornamenti su Dune 3

Per quanto riguarda lo script di Dune 3, pellicola che sarà basata sul secondo libro della saga di Herbert intitolato “Messia di Dune”, Villeneuve ha dichiarato: “È in fase di scrittura proprio adesso. La sceneggiatura è quasi finita ma non è finita, ci vorrà un po’ di tempo, c’è il sogno di realizzare un terzo film e per me avrebbe assolutamente senso”.

Il terzo capitolo però non sarà realizzato in continuità con i sui predecessori come successo per i primi due: “Non so esattamente quando tornerò ad Arrakis (pianeta dove è ambientato Dune ndt)”, ha detto Villeneuve. “Potrei fare una deviazione prima giusto per allontanarmi dal sole. Per la mia sanità mentale potrei fare qualcosa nel mezzo, ma il mio sogno sarebbe andare un’ultima volta su questo pianeta che amo”.

fonte