Explorers of Nurath: dungeon crawl e narrazione – Recensione

Explorers of Nurath copertina

Parlando di giochi di ruolo immediati, veloci e stimolanti abbiamo avuto il piacere di provare Explorers of Nurath, GdR narrativo della Black Box Games che mantiene alcune peculiarità dei giochi con un’impronta old school.

Scopriamo Explorers of Nurath, gioco di ruolo semplice e immediato della Black Box Games da 1 a 4 giocatori. Pronti ad entrare nel dungeon?

Explorers of Nurath, realizzato da Daniel Comerci e Alberto Tronchi, è un gioco di ruolo a stampo narrativo pensato per 1-4 giocatori. Si tratta di un GdR in cui si vestono i panni di avventurieri in cerca di tesori.

Explorers of Nurath è un gioco di ruolo che coniuga l’immediatezza e la versatilità della narrazione ad ambientazioni e meccaniche tipiche dei giochi dungeon crawling. Proprio per questo i giocatori si troveranno ad esplorare e a combattere in dungeon pericolosi e misteriosi alla ricerca di tesori antichi e nascosti.

Explorers of Nurath è la versione espansa e aggiornata di Explorers, un veloce solo RPG di ispirazione OSR che abbiamo…

Pubblicato da BlackBox Games su Sabato 20 giugno 2020

Explorers of Nurath è un leggero gioco di narrazione che strizza l’occhio al dungeon crawl old school, introducendo tuttavia semplici regole (24 pagine) progettate per un gioco semplice e veloce, adatto ad essere giocato sia in solitario che in gruppo senza bisogno di un master. Questa che vedi è la seconda edizione del gioco, arricchita di molti elementi e migliorie: Un’intera sezione dedicata a spunti e indizi su Nurath, l’ambientazione dove potrete ambientare le vostre avventure, completa di mappa e tabelle dedicate; Regole migliorate, rese più semplici e veloci da applicare; Un sistema di oracolo migliorato, utile per aiutare o sostituire completamente il ruolo del GM; Un nuovo set di procedure e meccaniche per gestire enigmi, pericoli e moduli avventura pubblicati o classici; Nuove tabelle generiche pronte all’uso.

Perché gioco di ruolo “leggero”? Si tratta di una dicitura che rende chiara sin da subito l’immediatezza di questo GdR che, non a caso, si compone di sole 24 pagine che possono essere lette direttamente al momento della sessione, senza nessun tipo di preparazione preliminare.

Explorers of Nurath 1

L’ambientazione di Explorers of Nurath

Quando Nurath crollò nel caos i cancelli si aprirono e fu guerra senza eguali. I secoli passarono e se ne perse il ricordo, ma Nurath era ormai corrotta e deviata. Dalla capitale Wor fino alle Torri della Stregoneria di Laesh, dai deserti di Meen fino ai ghiacci di Dum, uomini liberi, tagliagole, e reietti, viaggiano alla ricerca delle perdute ricchezze di Nurath.

L’ambientazione di questo gioco ci fa immergere in un setting fantasy dal sapore dark in cui i protagonisti non sono eroi, ma reietti e membri di compagnie di ventura. Il manuale, benché breve, dà molti spunti di gioco e informazioni sull’ambientazione partendo dalla descrizione della capitale Wor, fino a elencare i caratteri dei Popoli che abitano Nurath e dare qualche accenno su informazioni ulteriori (e più misteriose!) sul setting, come ad esempio per il Mondo delle Ombre. Ebbene sì, come in ogni fantasy che si rispetti in Explorers of Nurath potete giocare uomini, ma anche elfi e nani, e incontrare bestie e creature particolari come gli appartenenti al Piccolo Popolo e le Creature delle Ombre.

Come si gioca?

Per giocare bastano due dadi a sei facce e il manuale! Essendo Explorers of Nurath un GdR essenzialmente narrativo, si svolge come una conversazione tra i giocatori al tavolo, i quali vestono i panni di avventurieri alla ricerca delle ricchezze e dei pericoli di un dungeon.

Durante il gioco i PG, per descrivere e portare avanti le proprie azioni, Interrogano la Voce per capire le reazioni e le conseguenze dell’ambiente che li circonda. La Voce può essere un giocatore fisso (che assume così il ruolo di Game Master), oppure il ruolo può essere rivestito a turno da tutti i componenti del party.

I modi per interrogare la Voce sono essenzialmente quattro e vengono presi in considerazione quando c’è una situazione incerta, quando si vuole sapere cosa accade attorno ai PG o cosa si cela in quel vicolo oscuro del dungeon.

  • Il primo metodo è quello che prevede la consultazione di particolari Tabelle che si trovano nel manuale: in base al tiro dei dadi si possono scoprire informazioni, tesori, trovare alleati o, al contrario, nemici;
  • Si possono Fare domande, ossia si pone una domanda alla Voce. In base al tiro dei dadi la risposta sarà No, Sì ma, Sì;
  • Quando ci sono due possibili esiti per un’azione, si può decidere quale accadrà in base al tiro dei dadi;
  • Si interroga la Voce anche in caso di Sfida, ossia in occasioni di azioni pericolose per il personaggio.

La Voce rende il gioco interessante soprattutto perché permette di poter impostare buone sessioni di gioco in solitario, e anche le sessioni al tavolo con più giocatori possono non essere preparate prima della giocata. Le Tabelle, infatti, riguardano vari e diversi aspetti che i PG possono incontrare sul loro cammino. Aiutano nella scelta di quali Trappole schivare, degli Alleati, l’aspetto dei PNG, ma anche semplicemente decidere verso quale Luogo si sta dirigendo il party.

Explorers of Nurath 2

Siamo pronti per il dungeon!

Abbiamo provato Explorers of Nurath e devo dire che è stata un’esperienza di gioco piacevole. Questo GdR cerca di trovare un equilibrio tra il divertimento dei giochi di ruolo old school e un gioco narrativo immediato e fluido. Quello che ho notato è che Explorers of Nurath si adatta molto bene a una serata di gioco di ruolo tranquilla, senza preparativi ma comunque ricca di sorprese e che stimola la creatività e l’immaginazione al tavolo. Non solo ma, dopo averlo provato, posso dire che si presta bene sia a serate con quattro giocatori sia al gioco solitario, ma anche in coppia.

Explorers of Nurath si caratterizza per una fase di creazione personaggi veloce ed efficace: ha il vantaggio di essere rapida, ma con già molti di spunti di gioco a vantaggio dei giocatori, caratteristica tipica dei GdR ad impronta narrativa. Quando si entra nel vivo del gioco, la Voce fornisce un importante supplemento e un metodo casuale di incontri e situazioni aiutando i giocatori nei momenti di stop, in quelli in cui è necessaria la Sfida o anche semplicemente per sapere cosa ci attenderà dietro la porta di quel dungeon!

L’impianto narrativo del GdR ha il pregio di dar forma ad una storia non pre-costruita, ma che si evolve nel corso della partita (o delle partite) a seconda di come i giocatori useranno gli spunti e le caratteristiche dei loro PG. Secondo me, se in presenza di giocatori che hanno già giocato di ruolo, può anche essere un ottimo manuale per introdurre qualche novizio al GdR oppure, limitando i toni dark dell’ambientazione, per giocare con bambini e ragazzi.

Provatelo anche voi e fateci sapere che cosa ne pensate!

Explorers of Nurath copertina
Explorers of Nurath
Explorers of Nurath è un gioco di ruolo per 1-4 giocatori a stampo narrativo che mantiene alcune peculiarità dei GdR old school. I giocatori vestono i panni di avventurieri pronti a esplorare e a combattere in dungeon pericolosi e misteriosi alla ricerca di tesori nascosti. L'ambientazione fantasy-dark, l'immediatezza e la semplicità di gioco (24 pagine di manuale) e alcune peculiarità del sistema lo rendono un titolo interessante per essere giocato in poche persone, senza preparazioni preliminari della sessione e mantenendo alto il divertimento e l'improvvisazione al tavolo.
Pro
Immediatezza e semplicità
Possibilità di poter giocare in gruppo, ma anche da soli o in coppia
Contro
Tante caratteristiche di stili di gioco differenti (old school, narrazione ecc)
Non immediato per chi è alle prime armi
7
Voto Finale
guest
0 Commenti
Feedback in ordine
Vedi tutti i commenti
...e questo?
il regno della sfinge
La Leggenda di Eracle: Il regno della Sfinge – Recensione