GoDice: i dadi smart sono su Kickstarter

Era solo questione di tempo, e finalmente anche il più classico dei classici strumenti di gioco, i dadi, sono diventati smart: oggi vi parliamo di GoDice, un progetto su Kickstarter che si propone di realizzare dei dadi connessi ad un app per tenere traccia del risultato dei nostri tiri.

In questi giorni possiamo trovare su Kickstarter la campagna di GoDice, dei dadi “smart” che si connettono ai nostri dispositivi digitali

All’interno di questi dadi smart, i produttori si sono proposti di miniaturizzare i circuiti necessari per connettere ogni singolo dado a un dispositivo digitale. Infatti, all’interno hanno posizionato un sensore di posizione, un chip per la connettività bluetooth, un led, un processore e naturalmente la batteria.

La ricarica avviene posizionando i dadi nella loro apposita custodia, un po’ come avviene nelle recenti cuffie in-ear bluetooth. I produttori hanno dichiarato che con soli 10 secondi di ricarica nel case si ottiene un’intera ora di gioco.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Introducing – the GoDice! Excited to announce we’ve just launched our GoDice kickstarter campaign! Let’s achieve this goal together, we can do it!

Un post condiviso da GoCube (@go.cube) in data:

Insieme a un certo numero di dadi in base al livello di contributo, i finanziatori della campagna di crowdfunding riceveranno anche accesso ad alcuni giochi gestiti dall’app proprietaria. Essa sincronizzerà automaticamente i risultati dei dadi, e potremo gestire le nostre partite tramite smartphone o tablet.

Con alcuni dei livelli di pledge più avanzati si poteranno persino rivestire i dadi con dei case speciali, in maniera da ottenere una serie completa di dadi necessari ad esempio per D&D (dal D4 al D20).

Questo prodotto si propone anche per essere usato con altri dispositivi evoluti per il gioco da tavolo e di ruolo, come GameBoard-1.

Che ne pensate? Accogliete con curiosità queste novità tecnologiche o siete legati ai buoni, vecchi, solidi dadi normali? Diteci la vostra in un commento qui sotto.

Leggiamo altro?
Throne: I Guardiani di Kalesh, la recensione del gioco da tavolo