Lucca Comics & Games Awards: assegnati gli “Oscar” italiani del fumetto e del gioco

poster lucca comics 2021 programma area movie

Lucca Comics and Games é entrato nel vivo di questa edizione 2021 e, apprestandoci a weekend piú nerd dell’anno tra i padiglioni della fiera, scopriamo i vincitori dei Lucca Comics & Games Awards, gli “Oscar” italiani del fumetto e del gioco.

Ieri sera, infatti, i nomi dei vincitori sono stati presentati durante una puntata speciale di Wonderland in onda su Rai 4 e visibile on demand su RaiPlay da oggi.

Scopriamo i vincitori dei Lucca Comics & Games Awards

Selezionati selezionati dalla Giuria formata da Giovanni Russo, l’autore Manuele Fior, l’autrice Vittoria Macioci, i giornalisti e critici Alessandro Di Nocera ed Ettore Gabrielli, anche quest’anno sono state premiate le migliori opere a fumetti e i loro autori, i migliori giochi da tavolo e giochi di ruolo.

Gran Guinigi (fumetti)

Miglior fumetto breve: A.M.A.R.E. antologia redatta da Amanda Vähämäki, Martina Sarritzu, Alice Socal, Roberta Scomparsa, Eliana Albertini a cura di Liliana Cupido e Roberta Colombo (Canicola).

  • Miglior serie: Asadora!, di Naoki Urasawa (Panini Comics).
  • Miglior disegno: Werther Dell’Edera per Something Is Killing The Children (Edizioni BD).
  • Miglior sceneggiatura: Lee Lai per Stone Fruit (Coconino Press – Fandango).
  • Iniziativa editoriale: Le Riviste Di Fumetti Umoristici a cura di Sio (Shockdom).
  • Miglior esordiente: Miguel Vila per Padovaland (Canicola).
  • Premio speciale della giuria: Penss e le Pieghe del Mondo di Jérémie Moreau (Tunué).

Yellow Kid

Fumetto dell’anno: Rusty Brown di Chris Ware (Coconino Press – Fandango).

Autore dell’anno: Marco Galli per “Dentro una scatola di latta” (Eris Edizioni).

Nell’ambito dei Lucca Comics Awards il riconoscimento principale è quello dedicato al Maestro del Fumetto che da quest’anno avrà l’opportunità di realizzare un autoritratto che sarà esposto all’interno della collezione permanente delle Gallerie degli Uffizi, nella mostra “Fumetti nei musei | Gli autoritratti degli Uffizi” a cura di Mattia Morandi e Chiara Palmieri. Quest’anno il prestigioso premio è stato assegnato a Lorenzo Mattotti e la sua opera andrà presto ad arricchire uno degli spazi museali più importanti del mondo.

Gioco dell’Anno

Mai come quest’anno il Gioco dell’Anno rivela la sua importanza. Complice anche la pandemia, infatti sempre più italiani hanno scoperto i giochi da tavolo come compagni di svago in famiglia, tra amici e con i più piccoli.

Il riconoscimento annuale di Lucca Comics & Games che premia i giochi da tavolo “gateway” – titoli facili ma avvincenti in grado di coinvolgere anche tutti coloro che non hanno mai giocato da tavolo o è da tempo che non lo fanno – è stato assegnato a My City, una produzione dei game designer Reiner Knizia edito da Kosmos Verlag, distribuito da Giochi Uniti.

Inoltre, per la prima volta nella sua storia, la giuria ha assegnato una Menzione Speciale a MicroMacro: Crime City di Johannes Sich (MS Edizioni). Non potendo essere considerato un gioco da tavolo nel senso tradizionale del termine, appassiona e diverte, riuscendo, solo con una mappa illustrata e un mazzetto di carte, a intrattenere neofiti ed esperti per un buon quarto d’ora.

Gioco di Ruolo dell’Anno

A trionfare come Gioco di Ruolo dell’Anno è Broken Compass, una produzione italiana dei game designer Riccardo Sirignano e Simone Formicola, edito da Two Little Mice e distribuito da Raven Distribution, grazie al suo sistema di gioco semplice, completo, coerente e immediatamente coinvolgente, adatto a neofiti così come a giocatori veterani.

La giuria ha inoltre deciso di dare una menzione speciale a Kids & Legends, edito da Spritzgnack e distribuito da Asmodee Italia, per la ricerca e l’impegno fatto per introdurre i più giovani al GdR, la capacità di coinvolgere tutta la famiglia nel gioco e l’attenzione all’inclusività, che permette di partecipare a giocatori con diversi livelli di esperienza, con una particolare attenzione a bambini e ragazzi che amano il videogioco.

Joe Dever Award

Dedicato all’autore della mitica saga di Lupo Solitario, il Joe Dever Award è il premio alla miglior operazione crossmediale dell’anno. L’evento cinematografico firmato da Denis Villeneuve, si espande nel medium ludico grazie a un gioco da tavolo, cui ne seguirà anche uno di ruolo. Come piacerebbe a Herbert, il board game apre così le “porte della percezione” su Arrakis e la sua spezia. Il premio è stato infatti assegnato a Dune: Imperium di Paul Dennen, pubblicato da Asmodee.

Premio alla Carriera 2021

Divulgatore appassionato, convinto assertore della cultura ludica e instancabile talent scout di autori italiani e stranieri, Gianfranco Fioretta è il vincitore del Premio alla Carriera 2021. Editore e distributore di tanti e importanti titoli che hanno animato i tavoli e le serate di decine di migliaia di giocatori nel nostro paese, Gianfranco ha iniziato il suo percorso nella prima metà degli anni ’70, ed è stato uno dei primi ad accostare i buoni giochi ai buoni libri, intuendone il valore culturale e sociale. Da allora, partecipa con costante e scrupolosa sistematicità a tutte le fiere di settore, dalle più piccole alle più importanti, contribuendo a una diffusione sempre più capillare della passione per il (buon) gioco, cui ha dedicato gran parte della sua vita professionale.

 

Il Negozio delle Necessita Mobile Ads 2