Mer 29 Maggio, 2024

Le news della settimana

spot_img

Potrebbe interessarti

Il Regno del Pianeta delle Scimmie: 129 milioni di dollari raccolti al debutto. Prevista una saga di 9 film

Il Regno del Pianeta delle Scimmie (Kingdom of the Planet of the Apes) della Disney e dei 20th Century Studios ha fatto un debutto monumentale, accumulando 72,5 milioni di dollari a livello internazionale e 56,5 milioni di dollari a livello nazionale, per un totale di 129 milioni di dollari a livello globale nel suo weekend di apertura. Il lancio si colloca al terzo posto tra i debutti globali più importanti dell’anno, aprendo la strada al proseguimento della saga de Il Pianeta delle Scimmie che, a quanto pare, sarà composta da un totale di 9 film.

Il Regno del Pianeta delle Scimmie è un successo al box office, con un debutto da 129 milioni di dollari

Il successo internazionale del film è stato guidato in particolare da una forte performance in Brasile, che ha segnato la più grande apertura del 2024 con 2,6 milioni di dollari, e dal lancio in Cina con 11,4 milioni di dollari. Nonostante queste cifre elevate, il debutto in Cina è stato considerato “insufficiente” per la regione. Il film ha ottenuto buoni risultati però anche in altri mercati importanti, tra cui Francia (7,1 milioni di dollari), Messico (6,4 milioni di dollari) e Regno Unito (4,8 milioni di dollari).

Il film, sequel della lunga saga delle scimmie, non solo ha raggiunto la vetta delle classifiche nordamericane, ma ha anche ottenuto risultati eccezionali in diversi mercati internazionali, tra cui Paesi Bassi, Finlandia, Polonia, Turchia, Ungheria, Indonesia, Vietnam, Argentina, Colombia, Ecuador, Cile, America Centrale, Bolivia, Paraguay, Uruguay e diversi mercati minori.

Il film, con un budget di 160 milioni di dollari, dovrebbe ottenere la maggior parte delle entrate dai mercati internazionali, seguendo la tendenza dei suoi predecessori. I precedenti capitoli, Rise of the Planet of the Apes e War for the Planet of the Apes, hanno raccolto rispettivamente 481 e 490 milioni di dollari, mentre Apes Revolution – Il pianeta delle scimmie ha raggiunto i 710 milioni di dollari a livello globale.

Oltre alle proiezioni tradizionali, Il Regno del Pianeta delle Scimmie ha registrato entrate significative dai formati premium, che hanno rappresentato il 41% del box office globale. Le sole proiezioni IMAX hanno infatti contribuito con 13,2 milioni di dollari in tutto il mondo.

Il regno del pianeta delle scimmie

I nuovi film all’orizzonte potrebbero portare la nuova saga de Il Pianeta delle Scimmie a 9 pellicole totali

Diretto da Wes Ball, Il regno del pianeta delle scimmie è il quarto film della serie reimmaginata e il decimo nei 56 anni di storia del franchise. La narrazione fa un salto in avanti dall’era di Cesare, precedentemente interpretato da Andy Serkis, a un nuovo capitolo guidato da una giovane scimmia di nome Noa (interpretata da Owen Teague) che, insieme a un’umana di nome Mae (Freya Allan), si avventura in una ricerca che dà forma al futuro di entrambe le specie.

In questo contesto di successo, i creatori, Amanda Silver e Rick Jaffa, hanno accennato a future espansioni della saga. In una recente intervista con The Hollywood Reporter, il duo ha suggerito la possibilità di realizzare almeno altri due film, eventualmente estendendo la serie a una nuova trilogia. Jaffa ha espresso la sua visione originale di creare nove film per il franchise, sottolineando la portata ambiziosa del loro viaggio cinematografico.

“Quando abbiamo avuto l’idea di creare il franchise delle scimmie, abbiamo visto nove film. Abbiamo pensato: ‘È un’ambizione pazzesca’. Ma eccoci qui. Siamo a quattro”, ha detto Silver. Jaffa ha aggiunto: “Non so se arriveremo a nove. Mi piacerebbe molto. Abbiamo parlato non solo con Wes e Josh e (il produttore) Joe Hartwick Jr. ma anche con Steve Asbell e Scott Aversano della 20th di come potrebbero essere i prossimi film”.

Se Il Regno del Pianeta delle Scimmie continuerà ad avere successo, è facile pensare che il franchise moderno si espanderà ulteriormente, diventando potenzialmente una pietra miliare per il futuro della saga delle scimmie.

Fonte

Ultimi articoli