Il mostro della laguna nera emerge come fumetto con Creature from the Black Lagoon Lives!

Creature from the Black Lagoon fumetto skybound

Skybound Entertainment ha presentato ufficialmente il fumetto Creature From the Black Lagoon Lives!, seconda collaborazione tra la casa editrice di Robert Kirkman e la Universal Monsters.

La miniserie in quattro parti, scritta da Dan Watters (Loki) e Ram V (Swamp Thing) con disegni di Matthew Roberts (Manifest Destiny) e i colori di Dave Stewart, arriva dopo Dracula e continua il progetto che porterà Skybound a pubblicare fumetti legati ai vari personaggi dei film sui mostri della Universal.

Nel caso di Creature From the Black Lagoon Lives!, però, si tratta di una storia completamente originale come dichiarato da Alex Antone, direttore editoriale di Skybound: “Dan Watters e Ram V sono due degli scrittori di fumetti più entusiasmanti e poter liberare la loro creatività  insieme agli artisti di lunga data di Skybound come Matthew Roberts e Dave Stewart è stato un vero piacere. Mentre Dracula di James & Martin era un adattamento del film originale, Creature From the Black Lagoon Lives! è una storia nuova di zecca per Gill-Man (il nome del mostro della laguna nera ndr)”.

Una storia tutta nuova per Creature from the Black Lagoon Lives!

Il mostro della laguna nera  (Creature From the Black LagoonI è stato introdotto per la prima volta nel 1954 con l’omonima pellicola, film che è diventato un vero cult vintage del genere horror fantascientifico.

La storia di questa nuova miniserie a fumetti di Skybound, però, non riproporrà la sceneggiatura del film originale ma sarà ambientata ai giorni nostri e seguirà una giornalista che dà la caccia a uno spietato serial killer in Amazzonia. Ci troveremo di fronte anche a nuovi personaggi come Kate Marsden e il serial killer Darwin Collier, con il ritorno in vita del dottor Edwin Thompson, lo scienziato il cui volto è stato sfigurato dal mostro.

Il primo numero del fumetto debutterà nelle fumetterie e librerie a stelle e strisce il 24 aprile 2024.

fonte