Galaxy Quest: Simon Pegg è coinvolto nella realizzazione del sequel?

Galaxy Quest

Nel corso degli anni si è parlato più volte sia di un film di Galaxy Quest 2 che di una serie sequel. I fan vorrebbero vedere la storia di Galaxy Quest continuare in qualche modo ma le insidie sul percorso sono state tante.

Uno degli ultimi aggiornamenti in merito è stato che Paramount+ stava sviluppando una serie di Galaxy Quest. In precedenza, una serie sequel era stata molto vicina ad essere realizzata da Amazon, ma dopo la morte di Alan Rickman la cosa è saltata.

Ora, durante una recente intervista con GQ, Sam Rockwell ha offerto un breve ma interessante aggiornamento sulla situazione del sequel di Galaxy Quest, rivelando che Simon Pegg sta collaborando al progetto!

Il sequel di Galaxy Quest torna in carreggiata e, ad aiutare che il progetto si realizzi, ci sarebbe nientemeno che Simon Pegg

“Se ci sarà un sequel di Galaxy Quest, ci saremo anche noi. Abbiamo parlato di una serie limitata, sì. Simon Pegg ha parlato di dare una mano, in realtà”.

Pegg sarebbe l’aggiunta perfetta al team creativo di una serie come questa. Quindi, se mai dovesse accadere, sarebbe fantastico vederlo coinvolto.

Poi c’è Tim Allen, che ha sempre spinto per far decollare il progetto di un sequel. In precedenza ha dichiarato: “Con costanza, questa squadra e tutti gli altri membri di Galaxy Quest hanno lottato per fare questo “momento dopo”, quando i Thermiani torneranno. Ne abbiamo parlato letteralmente solo ieri, un gruppo di noi qui, e non sappiamo perché (non sia successo). C’era una sceneggiatura e il nostro amico Alan Rickman è morto, quindi la sceneggiatura che coinvolgeva lui e me nell’intera storia è scomparsa. La storia in sé era così intelligente e divertente. Amo quell’equipaggio e amo tutto di Galaxy Quest”.

Il regista originale Dean Parisot e il co-sceneggiatore Robert Gordon stavano sviluppando il sequel di cui parla Allen e la storia si sarebbe concentrata sul rapporto tra il personaggio di Allen, Jason Nesmith, alias il Comandante Peter Quincy Taggart, e quello di Rickman, Alexander Dane, alias il Dottor Lazarus. Allen ha precedentemente dichiarato:

“È una sceneggiatura favolosa. Ma ha avuto un intoppo perché il meraviglioso Alan Rickman è morto. Quindi è diventato tutto molto triste e cupo perché (la sceneggiatura) era tutta incentrata su (Lazarus) e Taggart. Era tutto incentrato sulla loro storia. Non significa che non si possa riprendere l’idea, e la storia di fondo era isterica e divertente”.

Ha poi aggiunto che la trama del sequel ruotava anche intorno ai viaggi spaziali alla velocità della luce e che avrebbe trovato l’equipaggio fuori sincrono con il resto del pianeta:

“(Il sequel) potrebbe accadere ora o tra cinque anni e non ha alcuna importanza perché quando si viaggia alla velocità della luce, quando si torna indietro possono essere solo 20 minuti, ma sono passati 20 anni, giusto? Questa parte è meravigliosa per il fanatico di fantascienza che è in me. Ma al momento è in fase di attesa”.

Anche Sigourney Weaver ha parlato in precedenza dello stato del sequel di Galaxy Quest dicendo:

“Abbiamo perso il meraviglioso Alan (Rickman) inaspettatamente, quindi il film è stato messo in naftalina, ma credo che ora lo stiano finalmente rianimando. Non li ho letti, quindi non conosco i dettagli, ma credo che a tutti quelli che hanno partecipato a Galaxy Quest piacerebbe partecipare perché è stata un’esperienza meravigliosa per noi. Non so come troveranno qualcuno che interpreti la parte di Alan, ma credo che abbiano un’ottima idea di chi possa farlo. È insostituibile, eternamente. Penso che potrebbero esserci buone notizie su questo fronte, ma non ne ho sentito parlare in questi sei mesi, quindi non so quando accadrà”.