Disney+ ha perso 1,3 milioni di abbonati dopo il rialzo dei prezzi

disney plus streaming

Il 2023 ha visto l’aumento dei prezzi di vari servizi di streaming video come Disney+ e Netflix che, ovviamente, sono stati fortemente criticati dal pubblico. Come diretta conseguenza del rialzo dei prezzi, durante l’ultima call sugli utili trimestrali si scopre che Disney+ ha perso 1,3 milioni di abbonati e, come sappiamo invece da qualche settimana, anche se non direttamente collegato alla servizio, il primo posto tra i maggiori incassi al botteghino.

Un periodo sicuramente non roseo per l’azienda, che si è detta pronta a rivedere i suoi piani futuri. Ora l’azienda sta cercando di recuperare le perdite cambiando la sua strategia su molti fronti, a partire dai Marvel Studios, che realizzeranno meno film (ma più di qualità) e alle IP Disney che saranno maggiormente sfruttate con nuovi sequel e reboot; ma sarà sufficiente per invertire la tendenza?

film disney cinema

Disney+ ha perso 1,3 milioni di abbonati alla piattaforma come conseguenza all’aumento dei suoi prezzi

I consumatori insoddisfatti della mossa hanno cancellato i loro piani di servizio di streaming, facendo perdere a Disney+ oltre 1,3 milioni di abbonati. L’azienda di Topolino sta pianificando di recuperare le scarse prestazioni del 2023, prevedendo di aumentare gli abbonati di 6 milioni nel 2024 e attribuendo le perdite nel settore dell’intrattenimento e dei media alle scarse prestazioni di The Marvels e Wish al botteghino.

“Solo un anno fa abbiamo delineato un piano ambizioso per riportare The Walt Disney Company a un periodo di crescita sostenuta e di creazione di valore per gli azionisti”, ha dichiarato l’amministratore delegato della Disney Bob Iger, “La nostra forte performance di quest’ultimo trimestre dimostra che abbiamo svoltato l’angolo e siamo entrati in una nuova era per la nostra azienda”.

Nel corso della call sugli utili trimestrali, la Disney ha anche anticipato le date di uscita dei suoi prossimi progetti fino al 2026 e una tabella di marcia per il rinnovamento dei suoi parchi. Quest’anno le cose potrebbero andare meglio per Disney, con la società che rimane ottimista circa i profitti.