Aya e la strega: primo trailer per il film in CGI dello Studio Ghibli

aya e la strega studiio ghibli

È stato pubblicato il primo trailer di Aya e la strega (Aya to Majo – Earwig and the Witch), il primo lungometraggio in computer grafica 3D prodotto dallo Studio Ghibli.

Ammiriamo, incuriositi, il trailer di Aya e la strega, primo lungometraggio animato in CGI prodotto dallo Studio Ghibli

Il video, diffuso online dal network televisivo nipponico NHK, ci permette di dare il primo incuriosito sguardo a questo lungometraggio che segnerà un punto di svolta per lo studio fondato da Hayao Miyazaki e Isao Takahata.

La pellicola è diretta da Goro Miyazaki, figlio del grande maestro, ed è basata sul libro Earwig e la strega di Diana Wynne Jones, scrittrice inglese già autrice del romanzo che ha ispirato Il Castello Errante di Howl.

Sinossi del film

Non tutti gli orfani adorerebbero vivere a St. Morwald’s Home for Children, ma Aya sì. Ottiene sempre tutto ciò che vuole, ogni volta che lo desidera, ed è stato così fin da quando è stata lasciata sulla soglia dell’orfanotrofio da bambina.

Tutto però cambia il giorno in cui Bella Yaga e Mandrake arrivano all’orfanotrofio St. Morwald, spacciandosi per genitori adottivi.

Aya viene così affidata a loro e portata nella loro misteriosa casa piena di stanze invisibili, pozioni e libri di incantesimi, con la magia dietro ogni angolo.

La maggior parte dei bambini scapperebbe terrorizzata da una casa come quella… ma non Aya. Usando la sua intelligenza, aiutata anche da un gatto parlante, decide di mostrare alla strega chi è che comanda veramente.

Aya e la strega , che ha visto Hayao Miyazaki contribuire allo sviluppo della pellicola, debutterà su NHK il prossimo 30 dicembre ed è anche entrato a far parte della selezione ufficiale per il festival di Cannes 2020.

Cosa ne pensate? Che effetto vi fa trovarvi di fronte a un film dello Studio Ghibli realizzato in computer grafica? Fatecelo sapere con un vostro commento qui sotto.

Fonte: ANN

...e questo?
Space Jam 2
Space Jam 2: LeBron James condivide una scena tratta dal film