Pokémon: dopo essere stato bannato per 20 anni, Kadabra torna in gioco

Kadabra Pokemon

Kadabra, il Pokémon bannato per oltre 20 anni dai mazzi di carte collezionabili dedicati ai mostriciattoli tascabili, potrà finalmente tornare in gioco grazie al dietrofront, con tanto di scuse, dell’illusionista Uri Geller.

Il gioco di carte dei Pokémon pronto a salutare il ritorno di Kadabra dopo 20 anni di ban, divieto fatto cadere dal suo stesso fautore, l’illusionista Uri Geller

A quanto pare l’illusionista sembra aver cambiato idea sul ban, scusandosi pubblicamente per la causa intentata contro Nintendo e passando la palla proprio alla compagnia che potrà riutilizzare il personaggio.

Mi dispiace davvero tanto per quello che ho fatto 20 anni fa. Grandi e piccini vi comunico che sto togliendo il ban. Ora tocca a Nintendo riportare indietro la mia carta kadabra dei pokemon.
Probabilmente ora sarà una delle carte più rare! Tanta energia e amore a tutti!

Geller, divenuto famoso negli anni ’70 esibendosi in spettacoli di lettura della mente e in cui piegava cucchiai e chiavi con la forza del pensiero (ovviamente utilizzando esclusivamente vari trucchi di prestidigitazione, nel 2000 denunciò Nintendo proprio riguardo al personaggio di Kadabra che l’illusionista affermava essere ispirato alla sua figura. Kadabra, ovvero Yungerā in giapponese, per Geller era una deformazione del suo nome e, inoltre, il mostriciattolo era capace di piegare i cucchiai, tanto che ne aveva uno in mano. Inoltre, per Geller, Kadabra era “un personaggio malvagio e occulto”.

Dopo essere stata citata in giudizio Nintendo eliminò Kadabra dal gioco di carte collezionabili, modificando anche alcuni aspetti dell’evoluzione a lui collegata. Essendo un passaggio intermedio tra Abra e Alakazam, il ban di Kadabra portò la società giapponese a impostare la nuova evoluzione direttamente da Abra ad Alakazam.

Fonte: Siliconera

...e questo?
Hearthstone corse di lunacupa
Hearthstone: il Mini-set Corse di Lunacupa è già disponibile con 66 nuove carte