Ritrovato il tesoro di Forrest Fenn sulle Montagne Rocciose: vale 1 milione di dollari

10 anni fa l’antiquario e collezionista d’arte Forrest Fenn nascose, da qualche parte sulle Montagne Rocciose, un tesoro del valore di 1 milione di dollari.

Dopo 10 anni è stato ritrovato il tesoro di Forrest Fenn, un forziere pieno di oro e preziosi dal valore di 1 milione di dollari

Ebbene, il forziere contenente dobloni d’oro, diamanti e antichità varie, per un peso totale di 22 kg, è stato finalmente ritrovato da un fortunato avventuriero che ha contattato Fenn inviandogli anche una foto del contenuto dello scrigno.

Lo stesso antiquario del New Mexico, ora 89enne, che ha rivelato di provare emozioni contrastanti ammettendo comunque di essere felice perché orami era quasi convinto che sarebbe morto prima di assistere alla conclusione di questa epica caccia la tesoro:

Come mi sento? Non lo so, una parte di me è in qualche modo sollevata, l’altra è triste perché questa caccia è giunta al termine.

Nel 2010 Fen, per l’appunto, aveva nascosto questo tesoro “sulle Montagne Rocciose, a nord del New Mexico e a sud del Canada, da qualche parte sopra 500 piedi di quota”, dando il via a una moderna caccia al tesoro che ha visto diverse persone cimentarsi nell’impresa, alcune delle quali hanno perso anche la vita mentre erano alla ricerca del misterioso forziere di bronzo.

Questi dettagli erano stati rivelati nel suo libro The Thrill of the Chase e altri ancore erano stati via via forniti attraverso libri e indizi online che costituivano un tutt’uno, una sorta di “mappa di versi”, con una poesia contenuta nelle pagine della sua autobiografia. Secondo Fenn soltanto chi avesse avuto fegato e vero spirito d’avventuriero sarebbe riuscito a trovarlo seguendo le sue “indicazioni” e interpretando correttamente i versi.

Si stima che dal 2010 più di 350.000 persone, tra gente comune, avventurieri esperti e cacciatori di tesori, abbiano dato la caccia al tesoro di Forrest Fenn, anche se con il passare degli anni questa “febbre dell’oro” è andata via via scemando con le autorità locali che hanno sempre cercato di dissuadere chiunque decidesse di mettersi alla ricerca del tesoro, visto che si è rivelata comunque un’avventura alquanto pericolosa e non certo adatta a tutti.

Negli ultimi tempi si era fatta largo l’ipotesi che tutto fosse in realtà una colossale trovata pubblicitaria, ma l’annunci del ritrovamento fatto da Fenn sul suo blog ha riacceso l’interesse per la faccenda con l’89enne antiquario che ha spiegato come l’uomo che ha ritrovato il suo tesoro, di cui non si conosce l’identità, l’abbia scovato proprio nel punto in cui era stato nascosto dieci anni fa:

Non conosco la persona che l’ha trovato ma la poesia nel mio libro l’ha portato nel punto preciso dove l’avevo nascosto.

Dopo l’annuncio del ritrovamento, tantissime persone hanno contattato Forrest Fenn per ringraziarlo di aver ideato questa caccia al tesoro che ha risvegliato lo spirito di avventura di tanti appassionati ed esploratori, stanchi ormai di vivere avventure simili solo al cinema, magari sognando le gesta di Indiana Jones o de I Pirati dei Caraibi.

Fonte: GeekTyrant

...e questo?
Muore di trombosi sviluppatasi dopo aver passato tante ore ai videogame durante la quarantena